Festa della musica a Macerata

3' di lettura 07/09/2020 - Il 2020 degli eventi maceratesi è stato davvero particolare a causa dell'emergenza Covid. Il 21 giugno, come ogni anno, si sarebbe dovuta festeggiare la Festa della Musica. Dal 1985, una rete di città promuove ed organizza concerti, spettacoli dal vivo, eventi musicali a tema.

A Macerata la Festa della Musica è organizzata storicamente da Arci Macerata, che propone spettacoli musicali con gruppi ed artisti del territorio. Quest'anno, in accordo con l'Amministrazione comunale e con la collaborazione dell'Università di Macerata, si è deciso di posticipare l'evento, che si terrà venerdì 11 settembre presso il cortile della Facoltà di Filosofia. L'ingresso sarà limitato a 50 persone (per partecipare è richiesta la prenotazione obbligatoria) e saranno chiaramente rispettate tutte le normative in materia di sicurezza e distanziamento sociale. È possibile prenotarsi inviando un messaggio WhatsApp al numero 3511807369, indicando il proprio nome e cognome.

“Abbiamo a cuore la Festa della Musica, che storicamente è presente nel calendario degli eventi dell'estate maceratese e che ormai da tantissimi anni abbiamo il piacere e l'onore di organizzare - commenta Massimiliano Sport Bianchini, Presidente di Arci Macerata - Il nostro impegno è quello di portare avanti questo progetto, anche se in condizioni diverse dal solito. Una volta passato questo momento tragico e drammatico, che ha fortemente e duramente colpito anche la rete dei circoli Arci, occorre programmare una ripartenza che interessi anche il mondo della cultura”.

Sarà quindi una Festa della Musica dedicata alla memoria, da rivivere attraverso la musica e la parola. Nel cortile della facoltà di Filosofia, il compositore Ludovico Peroni e il poeta Filippo Davoli presenteranno degli estratti dall’opera in 9 scene “Il Sognatoio”, che ha segnato l’inizio di una loro collaborazione artistica. Un luogo in cui i linguaggi musicali si fondono e la parola rievoca ricordi antichi, dolci e terribili, nella memoria di un sopravvissuto ai campi di concentramento. QRO, ensemble sperimentale di musicisti romani, darà vita alla partitura, già vincitrice del premio Teatro Musica e Shoah (2018), che nei prossimi mesi sarà protagonista di una nuova uscita discografica. A seguire, spazio all'esibizione musicale di Sebastiano Pagliuca, autore di tutte le canzoni degli Elpris, gruppo indie-folk con il quale è impegnato da quando è adolescente. Il suo primo lavoro da solista uscirà nel 2021 e si chiamerà “Con le orecchie sotto il mare”: una fuga dal trambusto quotidiano che diventa possibile galleggiando supini sul pelo dell’acqua. Le orecchie sotto il mare consentono di entrare in isolamento e di innescare quel flusso mentale fatto di voli pindarici e pensieri d’angoscia. Sebastiano Pagliuca (chitarra e voce) sarà accompagnato da Simone Giorgini (contrabbasso e cori).

“Questo evento - conclude Bianchini - è un momento di condivisione che il nostro territorio non può perdere. Diamo visibilità a tanti artisti, anche emergenti, che grazie alla Festa trovano uno spazio dove esibirsi. L'Arci, da sempre, ha come uno dei suoi obiettivi primari quello di promuovere la partecipazione e la libertà di espressione”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-09-2020 alle 12:17 sul giornale del 08 settembre 2020 - 303 letture

In questo articolo si parla di cultura, macerata, Arci, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bvcp





logoEV