Helvia Recina Volley, sfiorata la vittoria

4' di lettura 19/10/2020 - La CBF Balducci HR Macerata esce a bocca asciutta dal turno domenicale, vittima di un 1-3 punitivo per le ragazze allenate da coach Luca Paniconi, che offrono una prestazione in continuità di crescita con la vittoria infrasettimanale contro Talmassons, giocando alla pari contro l’Olimpia Teodora Ravenna, senza riuscire però a raccogliere quanto seminato.

Lipska ancora opposta in diagonale con Lancellotti, confermate Pomili e Maruotti schiacciatrici mentre al centro parte Rita al posto di Martinelli accanto a Mancini, con Bisconti libero. Dall’altra parte coach Simone Bendandi inizia con la diagonale Morello-Kavalenka, Piva e Guasti in banda, Guidi e Torcolacci al centro con la maceratese Rocchi libero.

Inizio punto a punto, Ravenna cerca di menare le danze ma la CBF Balducci resta in scia e sorpassa con 3 attacchi consecutivi di Lipska. 12-11 ma sul cambio palla il turno al servizio di Guasti inguaia la ricezione delle padrone di casa. Sul 12-14 Paniconi intuisce il pericolo e chiama il time-out, ma non basta per impedire alla Olimpia Teodora di dilagare, con il servizio di Morello a mettere ancora in difficoltà Macerata, che annulla 3 set ball con un errore dai 9 metri di Morello, un ace di Lancellotti ed un attacco di Lipska. Ma è proprio Lipska ad incappare sul muro di Kavalenka (MVP dell’incontro) per il 17-25 finale. L’opposta polacca trascina la CBF Balducci all’inizio del secondo set, firmando 4 punti nel 7-3 iniziale, prima che Ravenna inizi ad assottigliare il gap e a sorpassare (10-11) con un muro di Kavalenka prima e un errore al servizio di Maruotti poi. Guidi schiaccia a terra su una ricezione di Pomili per il massimo vantaggio dell’Olimpia Teodora (11-15) prima che Macerata inizi un lento ma inesorabile recupero, variando le sue soluzioni offensive. Il pareggio arriva nelle calde fasi finali sul 23 pari grazie ad un muro di Rita. Guasti sbaglia la pipe ed è il primo set ball per l’Helvia. Kavalenka manda pareggia e lo fa di nuovo sul 25 pari; Lipska dalla seconda linea dà ancora una chance di pareggiare, ma Piva pareggia di nuovo prima di murare di nuovo su Lipska. Out di Maruotti in pipe, 26-28 anche il secondo set prende beffardamente la strada di Ravenna.

Per nulla intimorita, Macerata ripropone nel terzo set l’approccio del secondo, portandosi sul 10-7. Paniconi ruota al centro, inserendo Martinelli per Rita. Bendandi chiama time-out e Ravenna si riassesta recuperando e passando davanti. Le padrone di casa faticano sul muro ospite (10 punti contro i 5 della CBF Balducci) ma riescono a mantenere il set in equilibrio fino al 22 pari, prima di trovare l’allungo decisivo, con Lipska a trovare due mani-out per il 25-22. Grande equilibrio anche nel quarto set. Macerata cerca di menare le danze ma non riesce ad allungare, Ravenna raggiunge e sorpassa ma neanche le ospiti riescono a piazzare il break permettendo agli attacchi di Lipska, Pomili e Maruotti di riagganciare sull’11 pari. Si va punto a punto ma sul 16 pari Mancini e Maruotti trovano i punti per il massimo vantaggio della CBF Balducci (19-16), Ravenna incombe, ma Pomili e Lipska trovano i punti per il 23-22. Non basta però: Kavalenka e Assirelli per il match point, prima dell’out di Lipska che chiude il match.

“Per quelle che sono state le nostre condizioni in queste settimane credo che le nostre ragazze abbiano dato il massimo – mastica amaro coach Paniconi – È un peccato perché dopo aver giocato una partita del genere qualcosa si raccoglie. Purtroppo la pallavolo è così, si può perdere anche per pochi punti. Dispiace molto perché, a parte la seconda metà del primo set dove abbiamo subito, abbiamo giocato assolutamente alla pari nonostante le emergenze, abbiamo trovato in corso d’opera delle soluzioni per ovviare a delle problematiche a muro.”

“Sono contento per i 3 punti, non sono contento per quello che abbiamo regalato – l’analisi in chiaro scuro di coach Bendandi – Ovviamente c’è anche il merito di Macerata, ma 12 errori diretti nel secondo e nel terzo set mi fanno imbestialire. Sicuramente è dovuto anche all’inesperienza, quindi ci vorrà del tempo ma occorre trovare la capacità di imparare a leggere le situazioni.”








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-10-2020 alle 11:54 sul giornale del 20 ottobre 2020 - 202 letture

In questo articolo si parla di sport, Helvia Recina Volley, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/by2C





logoEV
logoEV