La Lube vince la finale di Coppa Italia

lube banca marche 2' di lettura 03/03/2008 - Terza coppa Italia per i biancorossi, che vincono sulla M.Roma Volley

Il terzo secco 3-0 conquistato nello spazio di 72 ore vale per la Lube Banca Marche la vittoria della terza Coppa Italia della sua storia, dopo quelle del 2001 e 2003: nella finalissima della Tim Cup, andata in scena al Datch Forum di Assago dinanzi a quasi 11mila spettatori, i ragazzi di Ferdinando De Giorgi sfoderano l\'ennesima gara di carattere (e non solo) dopo quelle con Modena e Cuneo, costringendo anche la corazzata M. Roma Volley, alla resa col massimo scarto (25-19, 25-19, 25-23).




La squadra cuciniera è risultata più forte perfino della sfortuna. Aggiuntosi infatti Paparoni alla lista degli indisponibili dove da giovedì figurava Rodrigao (il primo, a riposo per la distorsione rimediata nella semifinale di ieri, è costretto al massimo riposo e deve seguire il match alla tv, in hotel; il secondo, alle prese con un problema al ginocchio, seppur inutilizzabile siede invece in panchina da dove può incitare con tenace costanza i compagni) i biancorossi, esaltati ancora una volta dalla strepitosa regia di Valerio Vermiglio, che riceverà il premio di Mvp della final four, trovano in Gianluca Saraceni, sin dai primi frangenti, un\'ottima alternativa al martello settempedano, tale da risultare assolutamente determinante in attacco per prendere i break decisivi nei diversi parziali (fondamentali in questo senso i 2 muri vincenti rifilati dell\'ex Perugia, che è romano e proprio con la squadra della capitale ha vinto lo scudetto nel 2000, al pericolo numero uno degli avversari Ivan Miljkovic, grande ex di turno).


Fanno il resto la buona vena di Igor Omrcen, anche stavolta top scorer (14 punti, con 2 ace e 1 muro vincente), il gran lavoro in seconda linea (73% di positività in ricezione) misto alla clinica efficienza in attacco del professor Seba Swiderski (71% su 14 palloni giocati), la concretezza dei centrali (10 punti con 2 muri per Geric, 9 con 1 blocco vincente per Lebl, ma davvero tantissimi quanto preziosi i palloni sporcati a muro da entrambi), la grande sicurezza là dietro di capitan Mirko Corsano (71% di positività su 14 palloni ricevuti), e poi anche l\'apporto morale e materiale proveniente dagli uomini della panchina, intendendo staff tecnico e giocatori non titolari: nel terzo parziale, l\'unico davvero in equilibrio, che ha visto i biancorossi rimontare uno svantaggio di addirittura 5 lunghezze (da 5-10 a 18-17), c\'è anche una fantastica difesa di Natale Monopoli, entrato in campo per il servizio.


Lube Banca Marche: Lebl 9, Vermiglio 1, Bartoletti, Saraceni 9, Monopoli, Geric 10, Corsano (L), Omrcen 14, Swiderski 10. Non entrati Smerilli (L) e Snippe. All. De Giorgi


M. Roma Volley: Henno (L), Savani 8, Coscione 2, Tofoli, Marshall 11, Molteni 3, Hernandez, Kooistra 3, Miljkovic 12, Semenzato 4. Non entrati Giretto e Romero (L). All. Serniotti





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-03-2008 alle 01:01 sul giornale del 03 marzo 2008 - 986 letture

In questo articolo si parla di sport, macerata, treia, monia orazi, lube volley, lube banca marche