Macerata-Loreto: la fiaccola della pace in viaggio verso Sidney

fiaccola olimpica 5' di lettura 08/07/2008 - Riprende il suo cammino la Fiaccola della Pace del Pellegrinaggio Macerata –Loreto, verso Sidney insieme ai giovani del mondo che incontreranno il Papa.

Sono circa 10mila gli italiani iscritti alla prossima Giornata Mondiale della Gioventù che si terrà a Sydney dal 16 al 20 luglio 2008 sul tema: “Avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi e mi sarete testimoni” (At 1,8). Molti di loro arriveranno la settimana che precede il 16 luglio e saranno ospitati maggiormente a Brisbane, Melbourne, Sydney, ma anche Perth, dalle famiglie italo-australiane e dalle parrocchie.


Tra essi anche una rappresentanza del Comitato Pellegrinaggio a piedi Macerata-Loreto e i maratoneti della Fiaccola della Pace del Pellegrinaggio: dopo aver dato avvio al cammino notturno dei pellegrini del 30° Pellegrinaggio a piedi Macerata-Loreto, ecco che la Fiaccola della Pace ha ripreso ieri il suo viaggio per le strade del mondo, partendo insieme alle migliaia di giovani verso l’Australia. Nata nel 1997 come segno di collegamento, e preparazione, tra il Pellegrinaggio ed il Giubileo del 2000, la Fiaccola, denominata in seguito della Pace, è stata sempre, da allora, un gesto che ha voluto richiamare al mondo l’origine della pace possibile, partendo o sostando sulla tomba di San Francesco, essendo presente nei grandi momenti della vita della Chiesa, in particolare le Giornate Mondiali della gioventù di Toronto (2002) e Colonia (2005) e l’Agorà dei giovani a Loreto (2007).


Ha attraversato le vie della sofferenza umana, richiamando l’ineliminabile speranza, con il percorso sulle terre terremotate di Marche e Umbria a dieci anni dal sisma (2007), con il percorso sulle vie della guerra nei Balcani e in Terra Santa, avendo come tedoforo Ulderico Lambertucci, il maratoneta marchigiano già protagonista della storico cammino verso la Cina, riuscendo concretamente ad unire israeliani e palestinesi in un unico desiderio di pace (2008).


Un segno semplice che racchiude quindi diverse specificità, a cui concorrono in vario modo le realtà promotrici: il Pellegrinaggio Macerata-Loreto, diventato ormai uno tra i più grandi e significativi gesti popolari in Italia, il Centro Sportivo Italiano che richiama, con i suoi atleti che corrono portando la fiaccola, come lo sport sia un servizio alla crescita umana, la Fondazione Migrantes, voluta dalla CEI come sostegno ai nostri emigranti ed agli immigrati, il Servizio Nazionale per la Pastorale Giovanile, attivo nella preparazione delle giornate mondiali e nell’Agorà. Realtà che parteciperanno quindi alla Giornata Mondiale dei Giovani di Sidney proprio attraverso la Fiaccola.


La parte centrale della presenza in Australia prende avvio con la giornata a Canberra, il 13, con un percorso di 18 km e l’accoglienza da parte della autorità locali (SE Mons. Mark Benedict Coleridge, Vescovo dell’Arcidiocesi di Canberra; S.E. Stefano Starace Janfolla, Ambasciatore italiano in Australia; Pietro Inserra, Coordinatore INAS-CISL Australia, e altre associazioni), incontro e festa con la comunità italiana, con l’intervento di Mons. Piergiorgio Saviola Direttore Generale della Fondazione Migrantes della CEI e Don Nicolò Anselmi Direttore del Servizio Nazionale della Pastorale Giovanile della CEI. Dal 14 al 22 luglio la Fiaccola sarà poi a Sidney, sia per momenti particolari soprattutto con le comunità italiane (guidate da Mons. Dino Fragiacomo) che per la partecipazione agli incontri dei giovani di tutto il mondo con il Santo Padre (18-20 luglio), insieme ai 4 Vescovi marchigiani: mons. Menichelli, mons. Tonucci, mons. Vecerrica –ideatore e guida del Pellegrinaggio Macerata-Loreto- e mons. Giuliodori. Una trasvolata impegnativa che concorrerà a trasmettere alle migliaia di giovani che incontrerà una vera cultura della pace, unendo le loro attese a quelle dei pellegrini di tutto il mondo, in particolare, le decine di migliaia che ogni anno le presentano alla Madonna di Loreto, al termine del cammino notturno di un sabato del mese di giugno.


Di seguito il dettaglio del programma australiano ed ulteriori informazioni sulla storia della Fiaccola. Programma: Canberra: 13 luglio: * ore 9.00 a.m.: partenza della Fiaccola da QUEANBEYAN a CANBERRA (KM 18) > * 11.00a.m.: CANBERRA: accoglienza delle autorità locali (S.E. Mons. Mark Benedict Coleridge, Vescovo dell’Arcidiocesi di Canberra, S.E. Stefano Starace Janfolla, Ambasciatore italiano in Australia, Pietro Inserra, Coordinatore INAS-CISL Australia e altre associazioni). Saluti di benvenuto delle Autorità civili e religiose nella capitale politica ed amministrativa d\'Australia. Per il gruppo della Fiaccola parleranno Mons. Piergiorgio Saviola. Direttore Generale della Fondazione Migrantes della CEI. e Don Nicolò Anselmi, Direttore del Servizio Nazionale della Pastorale Giovanile della CEI. * Incontro con la comunità italiana * ore 11.30a.m.: Santa messa solenne * ore 3.00p.m.: momento di festa insieme Sydney : * 14 luglio: La Fiaccola visiterà il Santuario della Beata Mary McKillop e poi attraverserà il Ponte di Sydney Harbour Brige fino al Teatro Opera House * 15 luglio: Mattino: Darling Harbour e Villaggio Olimpico * 16 luglio: Centre Entertainment di Sydney: partecipazione alla Festa degli Italiani * 17 luglio: arrivo Aberfield (sobborgo di Sydney) Chiesa di Santa Brigida incontro con la comunità italiana guidata da Mons. Dino Fragiacomo. * 18/19/20 luglio: i podisti si uniranno a tutti gli altri giovani per gli incontri previsti con il Santo Padre Benedetto XVI * 22 luglio partecipazione alla Processione degli italiani






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-07-2008 alle 01:01 sul giornale del 08 luglio 2008 - 939 letture

In questo articolo si parla di chiesa, attualità, macerata, claudio giuliodori, diocesi di macerata, curia di macerata, mons.giuliodori, fiaccola olimpica





logoEV