Felicità e seduzione della libertà per Carmen

carmen 1' di lettura 06/08/2008 -

Appuntamento da non perdere oggi alle 12 agli Antichi Forni con Ermanno Calzolaio




Carmen, la seduzione della libertà. Oggi all\'Incontro Festival, alle 12 agli Antichi Forni, aperitivo culturale con Ermanno Calzolaio. La relazione del professore maceratese mostrerà una Carmen diversa: imprigionata e desiderosa di rompere le catene della falsa moralità, alla ricerca della felicità e della libertà.


\"Carmen è il desiderio di esser liberi - sostiene Calzolaio - Libre elle est nèe et libre elle mourra! È la definizione del personaggio nel drammatico duetto finale con Don Josè e forse questo illumina meglio la seduzione che continua ad esercitare questa donna, così come la dipinge Georges Bizet nella sua quarta e ultima opera. E ci troviamo di fronte ad un capolavoro assoluto\". Carmen, quindi incarna la seduzione profonda e corporea, è figura che seduce ed è sedotta, che si innamora e fa innamorare, in un connubio di amore e morte, che la porterà ad una drammatica fine.


Il professor Calzolaio aggiunge: \"Carmen che sente come soffocante i sentimenti, il quieto vivere, le convenzioni sociali è anche l\'emblema della libertà. Desidera esser libera, e più la desidera e più questa figura rimane eterna nel mondo del melodramma. Perché la seduzione implica la libertà e scardina regole e archetipi precostituiti, procedendo in modo imprevedibile e talora assoluto, spesso duettando con la morte. È seduzione della libertà. Ci inquieta ma ci affascina perché va alla ricerca della felicità\".







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-08-2008 alle 01:01 sul giornale del 06 agosto 2008 - 947 letture

In questo articolo si parla di teatro, macerata, spettacoli, Sferisterio Opera Festival, carmen