Allo sferisterio va in scena il concerto di Gala

1' di lettura 10/08/2008 - Dopo l’alternarsi delle rappresentazioni di Tosca e Carmen, arriva allo Sferisterio il concerto vocale e strumentale ispirato al tema della seduzione. Oggi appuntamento in arena alle 21 con le arie liriche ispirate al tema della seduzione.

Uno spettacolo nato dalle ceneri dell’Attila – ha affermato il direttore artistico dello Sferisterio Opera Festival, Pier Luigi Pizzi – e un piccolo risarcimento per Dimitra Theodossiou che non ha potuto cantare Odabella, ruolo in cui eccelle in Attila e che le calza alla perfezione”.

Cast d’eccezione per questo appuntamento che va in scena questa sera alle 21. Oltre al soprano greco, c’è il gradito ritorno di Andrea Concetti, dopo il Papageno interpretato per il Flauto Magico del 2006 che riscosse tanto successo, Simone Alberghini, Paola Gardina, Luca Lombardo, Alexandra Zabala, e Nino Surguladze. Le loro voci sono accompagnate dalla bacchetta del Maestro Carlo Montanaro, che dirige l’Orchestra Filarmonica Marchigiana.

Lo spettacolo, presentato da Pier Luigi Pizzi propone un interessante programma musicale, un percorso affascinante tra le più belle arie seduttive del melodramma. Diviso in due parti, la prima presenta Don Giovanni, Manon Lescaut, Attila e Macbeth. Il secondo atto è tutto per Verdi: Traviata, Nabucco ed ancora Attila che conclude il concerto. “Sarà uno spettacolo godibile, - sostiene il Maestro - molto popolare e spero che raccolga pubblico e consenso”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-08-2008 alle 01:01 sul giornale del 09 agosto 2008 - 804 letture

In questo articolo si parla di teatro, macerata, spettacoli, Sferisterio Opera Festival