contatore accessi free

A Tolentino presentazione del volume sul Teatro Nicola Vaccaj e del V Rapporto di Federculture

teatro vaccaj 3' di lettura 18/12/2008 - Giovedì 18 dicembre, alle ore 17.00, alla Sala Fusconi della Basilica di San Nicola, si terrà una manifestazione intitolata \"La fabbrica della cultura. La creatività per lo sviluppo del Paese\".

L\'iniziativa è promossa dall\'Assessorato alla Cultura del Comune di Tolentino, dall\'Accademia Filelfica e da Federculture. Nel corso del pomeriggio verranno presentati il volume di Giorgio Semmoloni \"Il Teatro Nicola Vaccaj. Spettacolo e Società a Tolentino tra \'700 e \'900\" a cura dell\'Accademia Filefica con il contributo del Comune di Tolentino e il V Rapporto annuale di Federculture \"Creatività e produzione culturale. Un Paese tra declino e progresso\".


Intervengono Vittoriano Solazzi Assessore alla Cultura della Regione Marche, Alessandra Boscolo Assessore alla Cultura della Provincia di Macerata, Claudio Bocci Direttore di Federculture Servizi, Luciano Ruffini Sindaco di Tolentino, Massimo Marco Seri Assessore alla Cultura del Comune di Tolentino e Giorgio Semmoloni Presidente dell\'Accademia Filelfica. L\'idea di questo libro -ricorda il Presidente dell\'Accademia Filelfica Giorgio Semmoloni - è nata nel corso della notte successiva alla tragedia del Teatro Vaccai. Già negli anni \'70 del Novecento l\'Accademia Filelfica si era impegnata con interventi e manifestazioni per sollecitare il restauro del teatro che si concluse nel 1985 dopo tanti anni di chiusura.


Anche in questa occasione, dunque, è sembrato opportuno l\'intervento dell\'Accademia, e quanto più rapido possibile, con un\'iniziativa che tenesse desta l\'attenzione non solo dei tolentinati, ma anche degli amanti dell\'arte e dello spettacolo, sul ben più grave problema della ricostruzione del Vaccai. Con sollecitudine, rapidità, e concitazione, considerando anche l\'ostacolo dei mesi estivi che non permettono facili contatti, si è cercato di produrre un libro sul teatro, il primo ad eccezione delle note e anonime ottocentesche \'Memorie del Teatro Vaccaj\', basato su alcuni saggi già pubblicati da illustri studiosi, accompagnati da contributi recentissimi, inediti e di notevole interesse. Lo scopo era, ed è, quello di raccogliere in una sola pubblicazione il risultato di ricerche e riflessioni in grado di dare, per la prima volta, una visione adeguatamente completa della vita del Teatro Vaccai e, per conseguenza, della Tolentino tra la fine del Settecento e la metà del Novecento.


È di notevole interesse cogliere il nesso sempre mutevole tra produzione teatrale e società, capire come quest\'ultima influenzi la prima e viceversa e prender coscienza della funzione didattico-informativa che il teatro ha sempre rivestito nell\'ambiente in cui si è trovato ad operare. Per questo motivo è stata dedicata particolare cura alla compilazione, attraverso ricerche in archivi pubblici e privati, di un catalogo di tutti gli spettacoli tenuti nel Teatro dell\'Aquila, poi Teatro Nicola Vaccai, dalla sua inaugurazione fino alla chiusura avvenuta nel 1973. E non minore attenzione è stata destinata alla raccolta di volantini e manifesti quali strumenti di comunicazione tra teatro e pubblico, e quali segni grafici dei tempi e del costume.


I saggi presentati nel volume costituiscono solamente alcuni aspetti della storia del Teatro: molti altri elementi sono stati volutamente omessi e con essi i contributi di altrettanto validi e noti ricercatori che, comunque, troveranno spazio in una prossima eventuale pubblicazione. È stato rilevante e, per certi aspetti, commovente il concorso di tanti cittadini che si sono affrettati a mettere a disposizione il materiale in loro possesso, utile per questa indagine sul Vaccai, segno di interesse e di affetto sentiti e sinceri nei confronti del teatro. Ed il materiale raccolto è risultato talmente consistente per quantità che si è stati costretti a rimandare ad altra occasione la ricostruzione della storia più recente del teatro. La speranza è che si possa pubblicare questo secondo volume quanto prima dando così corpo ad una serie di studi sul teatro almeno fino alla sua riapertura.


   

da Simone Baroncia




Questo è un articolo pubblicato il 18-12-2008 alle 01:01 sul giornale del 18 dicembre 2008 - 677 letture

In questo articolo si parla di cultura, teatro vaccaj, simone baroncia


logoEV