contatore accessi free

San Severino: replica ad An e Fi sulle polemiche per gli impianti sportivi

san severino piazza 4' di lettura 04/02/2009 - L\'imbarazzo dichiarato negli ultimi giorni a mezzo stampa da due esponenti dell\'opposizione, Fabrizio Grandinetti per il Gruppo Civico e Gilberto Chiodi per il gruppo di Alleanza Nazionale, non può che essere, come essi stessi affermano, grande. O meglio, \"assoluto\".

Parlando, difatti, di \"colpevoli ritardi\" sugli impianti sportivi i due componenti il gruppo della minoranza, ed in particolare il consigliere Chiodi che nell\'ultima tornata elettorale ha rivestito l\'incarico di assessore comunale allo Sport, non possono che trovarsi in grave impaccio. Il fatto che essi abbiano deciso di uscire allo scoperto con fantomatici attacchi all\'Amministrazione comunale rende ancor più ridicola, ed imbarazzante appunto, la loro presa di posizione. Con quale faccia, viene da chiedersi, Chiodi e Grandinetti denunciano ritardi mostruosi nei lavori riguardanti il campo sportivo Tullio Leonori balenando anche non meglio precisate \"illegittimità\"? Negli ultimi anni, quando loro erano alla guida del governo cittadino, sono stati spesi circa 100mila euro in manutenzione straordinaria.



Fra le operazioni più fantasiose messe in atto da chi ci ha preceduto alla guida della città è sufficiente ricordare, con riferimento sempre al campo Leonori, l\'intaso con sansa per il terreno, la manutenzione dell\'impianto di irrigazione, che si sarebbe dovuto accendere automaticamente al calar delle tenebre, ed altre genialità del genere. In parte mal funzionanti, in parte mai realizzate. Risultato? Gli abitanti per anni sono stati costretti a respirare polvere mentre i ragazzi che frequentavano il campo a giocare su di un terreno di terra e sassi. Ma le le situazioni che dovrebbero far sentire la minoranza più che in imbarazzo non finiscono certo qui. Chiodi e Grandinetti parlano anche di operazioni clientelari per soddisfare gli appetiti di questo o quell\'elettore. Dietro la gestione degli impianti sportivi cittadini regna, a nostro giudizio, la più completa trasparenza. Anche da un punto di vista politico. Tant\'è che alla guida di una certa società, di cui proprio per spirito sportivo ci riserviamo di fornire il nome, vi è un esponente di centrodestra candidato, guarda caso, nella lista Grandinetti. . E questi oggi non nasconde certo di lodare il buon operato dell\'attuale Amministrazione. E\' grazie alla collaborazione con questa società che si sta realizzando il campo il cui costo è di 352mila euro e non 500mila euro come erroneamente affermato. Ma torniamo agli impianti.


L\'impegno della Giunta Martini per il loro completamento, per la risistemazione e la messa a norma è stato, fin dall\'inizio mandato, massimo. Si prenda l\'esempio della pista di pattinaggio. Il Comune ha dovuto stanziare ulteriori 30mila euro, quale maggior impegno di spesa, per far fronte ai danni causati dal fermo dei lavori imposto nel lontano 2003. Le opere sono consistite nel rifacimento totale dell\'asfaltatura e delle canalette di scolo dell\'acqua. Per il palazzetto nel 2002 era stato acceso un mutuo per finanziare i lavori di messa a norma. Ma, guarda caso, non si è fatto nulla. La nuova Amministrazione ha ripreso la situazione in mano e fatto ripartire le opere. Risultato? Oggi le spese sono aumentate di 50mila euro. Se solo certe opere fossero partite nel 2002 sarebbero stati sufficienti poco più di 60mila euro. La differenza? Va imputato a chi ci ha preceduto e non a chi guida oggi la Città. Per il resto stiamo operando per la messa a norma della bocciofila, per dare vita ad una nuova struttura polivalente, una moderna palestra che risponda alle esigenze sempre crescenti della società sportive settempedane.


Quanto ai giudizi sulla gestione della cosa pubblica, per concludere, si vada a rivedere il capitolo piscina. Sulla realizzazione dell\'impianto vi è in corso un\'indagine della Corte dei Conti che ha deciso di vederci chiaro. L\'attuale Amministrazione comunale, insieme al privato, sta facendo di tutto per superare le problematiche che ci sono state lasciate in eredità e da un\'allegra gestione che intendiamo sanare per il bene di chi a San Severino chiede solo di praticare sport in maniera leale senza cioè ricorrere ai mezzucci di cui certa politica sembra portar la medaglia.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-02-2009 alle 01:01 sul giornale del 04 febbraio 2009 - 709 letture

In questo articolo si parla di attualità, san severino marche, Comune di San Severino Marche


logoEV
logoEV