contatore accessi free

Camerino: the clown, l’inglese e i bambini....

2' di lettura 10/02/2009 - Domenica al Marchetti di Camerino debutto dell\'ultimo lavoro teatrale di Sydney Higgins 

\"Sapessi quanto è stato bello The Clown!\" ha detto mia figlia di 5 anni al padre quando siamo ritornate a casa. Ed in effetti il giudizio della piccola è assolutamente condivisibile.


\"The Clown\" è il titolo dell\'ultima produzione teatrale del gruppo \"The Camerino Players\", con il patrocinio del Comune di Camerino, dell\'Università di Camerino, della Provincia di Macerata e dell\'AMAT, che ha debuttato domenica pomeriggio al Teatro Filippo Marchetti, di fronte ad un pubblico giovanissimo, numerosissimo ed entusiasta.


Lo spettacolo nasce da un\'idea originale di Sydney Higgins che ha curato la sceneggiatura, seguito le musiche e realizzato la regia. La storia ruota intorno a tre personaggi, due clown che parlano solo inglese e un direttore di circo che invece parla solo italiano e che, oltre a svolgere il suo compito in scena, funge da tramite tra il pubblico e i due pagliacci che lavorano nel circo. Le ristrettezze economiche impongono una scelta tra i due clown i quali, dopo l\'iniziale competizione senza esclusione di colpi per risultare il migliore - così come ordinato dal direttore - diventano amici e alleandosi si sbarazzano dello stesso direttore-despota che viene spedito \"in the jungle\".


I dialoghi tra i due colorati protagonisti utilizzano vocaboli ed espressioni strutturate secondo una grammatica di base, appositamente studiati per l\'età e la preparazione del giovane pubblico presente al Marchetti, che è stato coinvolto per tutta la durata dello spettacolo.


Un esperimento efficace e riuscitissimo, che ha centrato in pieno lo scopo che si era prefisso la produzione, e cioè l\'avvicinamento alla lingua inglese in giovane età attraverso il divertimento.


Le musiche di Lamberto Lugli, professionista che da anni collabora con Higgins, hanno accompagnato perfettamente tutta la storia e la scenografia, curata da Finlay Cowan e Chiara Giulianini, essenziale e colorata, ha abbracciato movimenti e dialoghi degli attori (Claudio Sagretti - direttore e Tiziano Giglio e Francesca di Pastena - clown). Un plauso a Francesco Concetti che ha curato luci e suoni, alla costumista Janette Swiff e a Caroline Crawford e Tiziana Zucconi che hanno formato i clown, ma soprattutto lode e onore a Sydney Higgins, scrittore e regista teatrale di madrelingua inglese, da anni residente in città, per questo bel lavoro, raffinato e originale che, dopo aver debuttato con grande successo a Camerino, ci auguriamo possa raggiungere altri prestigiosi lidi per coinvolgere e divertire tanti altri bambini

   

da Donatella Pazzelli






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-02-2009 alle 14:06 sul giornale del 10 febbraio 2009 - 1167 letture

In questo articolo si parla di attualità, camerino, comune di camerino, donatella pazzelli


logoEV
logoEV