contatore accessi free

Camerino: la città capitale del comprensorio maceratese

giulio silenzi 3' di lettura 12/02/2009 - Un tempo era il capoluogo di mandamento, una sorta di provincia “ante litteram”, ma ancora oggi nel sentimento della popolazione Camerino è la “capitale” dell’intero comprensorio montano.

Questo suo ruolo nell’entroterra maceratese viene riconosciuto anche dalla Provincia che, da ultimo, ha deliberato l’istituzione nella Città dei “Da Varano” di uno sportello decentrato polifunzionale per rendere ai cittadini un servizio più agevole nei rapporti con i diversi servizi provinciali. E’ questa una delle realizzazioni per Camerino (l’apertura è prevista nelle prossime settimane in piazza Cavour) che il presidente della Provincia, Giulio Silenzi, ha presentato nell’assemblea pubblica che si è svolta al teatro “Filippo Marchetti”.


Un incontro organizzato per illustrare ciò che l’Amministrazione provinciale ha realizzato e sta realizzando non solo a Camerino, ma su tutto il territorio, anche per rafforzare il senso di appartenenza di tutti alla comunità provinciale e vincere ove possibile i “campanilismi”. Proprio per sottolineare il senso di unità della provincia, Silenzi ha annunciato di essersi interessato attivamente per una tappa tutta maceratese della corso ciclistica “Tirreno-Adriatica” che avrà Civitanova e Camerino come città di partenza ed arrivo. L’ampia relazione del presidente Silenzi ha spaziato dagli interventi sulla viabilità (ultimati dal 2005 ad oggi lavori per un milione e 346 mila euro), tra cui la costruzione in corso della rotatoria all’incrocio tra la strada “Muccese” e via D’Accorso, alla costruzione ormai imminente (entro la primavera-estate) della pista per elicotteri accanto all’ospedale, dall’edilizia pubblica (Palazzo Sant’Angelo messo a disposizione dell’Università) all’edilizia scolastica, dove è in corso il più rilevante intervento di tutta la provincia: più di 12 milioni di euro per il “Campus” delle scuole superiori. A questo proposito Silenzi ha riferito della controversia sorta con l’impresa appaltatrice dei lavori che sta portando alla risoluzione del contratto.


Di conseguenza, la necessità di riaffidare i lavori rimasti comporterà che la conclusione dell’opera, prevista entro quest’anno, si potrà concretizzare nel 2010. E’ stato sottolineato il rilevante ruolo dell’Università di Camerino, sia nel contesto locale che regionale e Silenzi ha ricordato come la Provincia abbia voluto valorizzare tale “risorsa” affidando all’ateneo camerte, insieme a quello di Macerata, la predisposizione del Piano provinciale di sviluppo. Nel corso dell’incontro con la cittadinanza, a cui erano presenti anche il sindaco Enzo Fanelli, l’arcivescovo mons. Francesco Giovanni Brugnaro e il direttore dell’Asur, Pierluigi Gigliucci, si è parlato ampiamente degli interventi della Provincia per aiutare imprese e famiglie colpite dalla crisi economica e dei progetti attuati nel sociale per venire incontro alle cosiddette “fasce deboli” della popolazione. Nel settore economico è stato ricordato l’anticipazione della cassa integrazione ai lavoratori delle Merloni, il fondo di garanzia per le piccole imprese, i contribuiti alle famiglie dei lavoratori in mobilità, i fondi per l’avvio di nuove imprese giovanili.


Nel sociale, l’assistenza oncologica domiciliare, i contributi alle famiglie numerose, il servizio “Anziani non più soli” che proprio nel camerinese è stato avviato per primo e che nelle prossime settimane proprio nel territorio camerte verrà ampliato con l’entrata in funzione del cosiddetto “taxi sociale”, cioè il servizio di mobilità personalizzata per gli anziani che vivono soli.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-02-2009 alle 21:36 sul giornale del 12 febbraio 2009 - 714 letture

In questo articolo si parla di attualità, macerata, provincia di macerata, camerino


logoEV
logoEV