contatore accessi free

Musicultura: le voci sul palco stasera

4' di lettura 13/02/2009 - Ecco le voci in gara stasera, al teatro della Filarmonica di Macerata


FEDERICO D\'ANNUNZIO
(Porto San Giorgio)
Federico D\'Annunzio nasce a Porto San Giorgio e nel \'99 pubblica con il suo primo gruppo, i Cleep, \"Cineguaimai\" (Ultrasuoni/Edel). In quel periodo, oltre a numerose apparizioni televisive, apre i concerti di Daniele Silvestri, suona al Salone del libro di Torino e partecipa al Sanremo Rock. Trasferitosi a Milano suona in locali famosi come il \"Rolling Stone\" e \"Le Scimmie\". Nel maggio del 2006 esce il suo album d\'esordio \" Sogni tra i capelli\", arrangiato da Andrea Zuppini, che prende il titolo dal primo singolo estratto scritto a quattro mani con Kaballà. \"Sogni tra i capelli\" è accompagnato da un videoclip sceneggiato da Federico stesso e diretto da Lorenzo Vignolo e Paolo Bellan. Nel 2007 arriva alla finale di Sanremolab con un brano scritto insieme a Diego Calvetti. Nel 2008 si aggiudica il premio come Miglior composizione al festival salentino Premio Mauro Carratta.


CRISTIAN GRASSILLI
(Baricella - Bo)
Cristian Grassilli vive tra Bologna e Baricella, suo paese natale. Dopo aver studiato canto, pianoforte e chitarra, si è avvicinato alla musica africana e al djembeè. Inizia a 15 anni a cantare in gruppi locali e a proporsi dal vivo con un repertorio di cover. Intorno ai 23 anni si dedica completamente alla scrittura di proprie canzoni. Dopo alcuni riconoscimenti in festival musicali e due demo di canzoni proprie \" strana lady \" e \" figlio unico\", nel 2008 ottiene riconoscimenti importanti tra cui il Premio Imaie alla XIX edizione di Musicultura, il trofeo city lab e il trofeo MENABO di Bologna. Attualmente ha un disco al suo attivo \" IO PROMO \", autoprodotto. Lo definiscono un cantautore ironico e sensibile, attento alla quotidianità e alle cose semplici, in grado di mescolare sapientemente la tradizione cantautorale italiana con il jazz e il pop.


ERICA MOU
(Bisceglie - Ba)
Erica Musci, in arte Erica Mou nasce nel 1990. Studia canto dall\'età di 5 anni e chitarra dall\'età di 11. Pur essendo molto giovane vanta un curriculum di tutto rispetto. Inizia nel 2005 partecipando a numerosi concorsi ed eventi musicali con il gruppo Ombre Anomale.
Dal 2007 si esibisce come solista presentando inediti di propria composizione e si aggiudica numerose vittorie tutte nel 2008: il Liri Festival, il concorso Canzone Italiana d\'Autore, il Garofano D\'oro, il premio speciale Vitamine Controradio, il trofeo \"Miti della Musica\", miglior testo Premio A. Daolio.
Riesce anche a pubblicare un disco, \"Bacio ancora le ferite\", frutto di un lavoro libero dalle regole del mercato e fatto di pezzi acustici, rock, elettronici e pop, che ha presentato al pubblico dal vivo con solo voce, chitarra e basi costruite al momento con l\'ausilio di una loop machine.








FABRIZIO ZANOTTI
(Ivrea - To)
Fabrizio Zanotti nasce ad Ivrea nel 1969. Realizza diversi album: nel 1996 \"Country Party\" con \"Fabry & Banny\", nel 1999\"Viaggiatori\" con la sua band \"Stazione Marconi\", nel 2002 \"Schegge\", dedicato alla popolazione del Molise colpita dal sisma.
Collaborazioni con personaggi di spicco provenienti da altri ambiti artistici danno vita a \"Sarò libero, musica e pittura dal vivo\" con il pittore Lino Ricco, il film-concerto \"Sacco e Vanzetti, canzoni d\'amore e libertà\" con Foce Carmosina, o la canzone \"Poco di buono\" dedicata alla Resistenza e cantata da Claudio Lolli.
Partecipa a diversi festival musicali e apre i concerti di Massimo Bubola, Cristiano De Andrè, Mauro Pagani, Deborah Kooperman, Tazenda, Giorgio Conte, Claudio Lolli.
\"Il ragno nella stanza\" è il primo album da solista di Fabrizio che inaugura una nuova stagione per il cantautore, caratterizzata da una maggiore attenzione alle proprie emozioni.


MARCO IECHER
(Roma)

Marco Iecher, nato a Roma nel 1982 ed ivi residente, ha studiato e suonato il basso elettrico da quando era un giovincello.
Dopo aver fatto parte di alcune band dell\'underground romano, ha deciso di intraprendere la tortuosa strada del cantautorato illuminato. Scrive sia i testi che le musiche delle sue canzoni, avvalendosi dell\'aiuto del suo chitarrista nonché amico Leonardo Luciani.
È solito scrivere brani pop lineari, con qualche contaminazione rock e qualche connotato rap, anche se non crede nelle etichette e nelle classificazioni quando si parla di generi musicali.
È laureato in giurisprudenza e ha sostenuto l\'esame di stato per diventare avvocato, anche se ancora non conosce gli esiti della prova scritta.
Dichiara però di essere andato bene.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-02-2009 alle 16:06 sul giornale del 12 febbraio 2009 - 899 letture

In questo articolo si parla di macerata, spettacoli, musicultura, musicultura festival


logoEV
logoEV