contatore accessi free

Consiglio aperto: tutte le problematiche di scuola e università

municipio di macerata 3' di lettura 18/02/2009 - Incertezza, disorientamento e preoccupazione sembrano questi gli stati d\'animo con i quali gli operatori scolastici, le famiglie, gli studenti guardano oggi al futuro della scuola italiana.

Ma non mancano anche le voci favorevoli che evidenziano punti qualificanti nella riforma Gelmini. Questo in sintesi quanto emerso dal consiglio comunale aperto di ieri che ha affrontato nelle molteplici sfaccettature le principali novità della riforma Gelmini, dal maestro unico al voto in condotta, da quello decimale allo stanziamento di fondi. Tanti gli interventi per un tavolo pubblico di confronto molto apprezzato dai partecipanti che ha messo insieme le opinioni delle istituzioni scolastiche, dei rappresentanti degli studenti, dei genitori e dei politici e terminato con l\'invito a ripetere incontri di questo tipo per poter discutere e monitorare gli sviluppi della riforma che sta prendendo il via e della quale in molti intravedono problematiche da risolvere.


Tra le criticità emerse dal confronto si colloca quella dell\'incertezza delle risorse finanziarie. \"Abbiamo ricevuto da poco i fondi assegnati\" ha sottolineato Mara Simonelli insegnante di scuola primaria e rappresentante dello Snals \"ciò significa che la scuola pubblica ha lavorato metà anno scolastico con i soli fondi volontari dei genitori\". Stesso problema per la scuola secondaria superiore. \"La scuola ha bisogno di conoscere in anticipo l\'importo dei fondi ministeriali\" ha sottolineato il dirigente del Liceo Scientifico di Macerata Ferdinando Romagnoli \"altrimenti organizzare i servizi diventa impossibile\". Sullo stesso tema è intervenuta anche l\'assessora ai Servizi scolastici Federica Carosi che ha sottolineato come la mancanza di chiarezza in tema di finanziamenti paralizza l\'attività didattica. \"I dirigenti non sono in grado di stabilire in modo tempestivo le proprie esigenze nell\'organizzazione dei servizi\" ha detto l\'assessore \"e di conseguenza il Comune si trova in difficoltà nella previsione delle risorse da assegnare agli istituti scolastici\". La Carosi ha poi ricordato le difficoltà economiche in cui si trovano molte scuole che non hanno i soldi per pagare i supplenti e le tasse comunali, ma neanche per acquistare i prodotti di pulizia. Per quanto riguarda l\'Università è intervenuto il pro rettore Luigi Lacchè che ha espresso la \"preoccupazione per i tagli che colpiscono indiscriminatamente atenei con capacità innovativa e con equilibrio finanziario come quello di Macerata e atenei che invece non hanno tali caratteristiche\".


Ma dal mondo universitario, rappresentato anche da numerosi studenti impegnati negli organismi istituzionali dell\'Ateneo, sono emerse richieste verso l\'Amministrazione comunale per far sì che Macerata sia sempre di più una città accogliente nei confronti degli studenti. Da qui la proposta di avere una miglior organizzazione del servizio di trasporto urbano, di parcheggi e anche di istituire una \"carta dello studente\" che preveda agevolazioni per le attività culturali o sportive. La situazione problematica delle Accademie di belle arti è stata invece illustrata dalla direttrice Anna Verducci che parlato di \"invisibilità\" di un corso di studi parallelo a quello universitario che \"non ha mai riscontrato la sensibilità dei vari governi che si sono succeduti\". I principi ispiratori della riforma Gelmini sono stati invece portati in aula con un documento dell\'onorevole Paola Frassinetti, componente della commissione Istruzione alla Camera dei deputati, giunto al capogruppo del Pdl e letto dal presidente del Consiglio comunale Gian Mario Maulo. \"Da dieci anni\" si legge nel testo \"la spesa per l\'istruzione cresce in modo incontrollato senza che ciò produca un minimo miglioramento e le critiche ha solo il potere di mistificare la realtà\".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-02-2009 alle 20:18 sul giornale del 18 febbraio 2009 - 620 letture

In questo articolo si parla di politica, macerata, comune di macerata, municipio di macerata


logoEV
logoEV