contatore accessi free

Tolentino: vicina la chiusura della discarica di Collina

discarica generica 3' di lettura 21/02/2009 - Nel corso dell\'ultimo Consiglio comunale, il consigliere comunale Francesco Massi aveva presentato una interrogazione sulla chiusura della discarica di Collina, il cui abbancamento è di 165.000 metri cubi. Lo stesso consigliere aveva mostrato alcune perplessità direttamente al presidente della provincia circa l\'effettiva chiusura della discarica, visto che altri comuni non offrono ospitalità.

Il Sindaco Luciano Ruffini a questa interrogazione ha fornito le seguenti precisazioni: la chiusura della discarica, come più volte dichiarato dallo stesso Ruffini, dal Presidente Eusebi e dal Direttore Giampaoli del Cosmari, dal Presidente della Provincia Silenzi verrà chiusa nel secondo semestre 2009 e più precisamente, viste le quantità attuali degli abbancamenti dei rifiuti, tra i mesi di agosto e settembre 2009. Come si ricorderà, ha detto il Cosmari, la capienza prevista per la discarica di Tolentino è pari a 165 mila metri cubi. Al 31 dicembre 2008 erano stati abbancati circa 110 mila metri cubi, pertanto rimane una capacità residua di circa 55 mila metri cubi.


L\'occasione è utile per precisare che da oltre un anno non viene abbancato nessun rifiuto \"tal quale\" e che comunque, nel solo mese di settembre 2008, sono stato portato in discarica l\'organico che non è stato possibile trasformare in compost, in quanto l\'impianto consortile di Piane di Chienti, era stato danneggiato da un incendio: \"Va anche sottolineato, ha precisato il Sindaco, che il Cosmari è intervenuto più volte per mitigare i disagi scaturiti dagli inevitabili cattivi odori e dalle condizioni meteorologiche avverse, come ad esempio il vento\". Il CdA del Cosmari e la Provincia hanno già avviato rapporti per scongiurare una \"emergenza rifiuti\" all\'indomani della chiusura della discarica di Tolentino con gli impianti di Porto S. Elpidio e di Fermo.


Intanto proprio in questi giorni è stato affidato l\'incarico per la progettazione, allo studio risultante vincitore dell\'appalto, della nuova discarica da realizzare nel territorio di Cingoli. Contestualmente è stata anche affidata l\'indagine geologica. Entro maggio il progetto e la relazione saranno consegnati e sempre entro maggio è attesa la sentenza del Tar per la disponibilità dell\'area. Grazie al \"porta a porta\", avviato con successo anche a Tolentino con valori che oscillano intorno al 70%, e con una politica integrata di gestione dei rifiuti, anche impiantistica (inceneritore, impianto di selezione manuale e impianto di selezione della frazione organica) la nostra provincia ha raggiunto, rispettando i parametri di legge, uno dei pochi casi nazionali, il 47% di raccolta differenziata.


\"Quindi, conclude Ruffini, proposte e progetti concreti e non sterili polemiche volte solo a conquistare un pò di attenzione sulla stampa. I Comuni di centro sinistra hanno dimostrato grande sensibilità e grande senso civico, ospitando sul proprio territorio la discarica comprensoriale - Morrovalle, Potenza Picena e Tolentino. Crediamo quindi, senza lotta di campanile che si debba recuperare un pò di solidarietà e quindi un pò di sensibilità anche nel centro destra e Massi che ne è autorevole rappresentante potrebbe farsi carico di far comprendere agli amministratori a lui vicini, l\'importanza del sistema \"Cosmari\", un modello che ci viene invidiato e che è espressione di un \'pubblico\' che funziona e che sa fare sistema\".


   

da Simone Baroncia




Questo è un articolo pubblicato il 21-02-2009 alle 11:57 sul giornale del 20 febbraio 2009 - 890 letture

In questo articolo si parla di attualità, simone baroncia


logoEV
logoEV