contatore accessi free

Tolentino: \'Pelletteria 1907\' chiede aiuto alla Regione

prezzi| 2' di lettura 28/02/2009 - Durante il vertice regionale per verificare se esistono le condizioni per uscire dalla crisi che attanaglia l’azienda tolentinate ‘Pelletterie 1907’, i cui dipendenti non ricevono lo stipendio dal novembre dello scorso anno, l’assessore regionale alle attività produttive, Fabio Badiali, ha espresso solidarietà e sostegno ai dipendenti.

Nel corso dell’incontro la proprietà ha presentato una nota sull’andamento economico dell’attività e le previsioni per il futuro. Buone le prospettive sulla possibilità di sviluppo produttivo ed occupazionale. L\'assessore ha assicurato il supporto della Regione attraverso il Fondo di garanzia per le Piccole e Medie Imprese impegnandosi a velocizzare l\'assegnazione delle risorse sul territorio ed a verificare, in stretta collaborazione con gli amministratori comunali le condizioni per un incontro tra l\'azienda e gli istituti bancari interessati a trovare una soluzione positiva per la proprietà e i dipendenti.


Ad oggi, ha affermato l’assessore regionale, il problema da superare per il raggiungimento di questi obiettivi è l’accesso al credito e le garanzie per ottenerlo”. In questo senso l’assessore si è impegnato, in collaborazione con il sindaco della città Ruffini e l’assessore provinciale Salvi, a verificare se sussistono le condizioni per un incontro tra l’azienda e gli Istituti bancari interessati, in modo da trovare una soluzione positiva anche per i dipendenti. Ricordiamo che l’azione è attiva sul territorio tolentinate dal 1907, quando un esperto legatore e decoratore di cuoi apre a Tolentino un laboratorio artigianale decorando gli oggetti con lavorazioni a sbalzo, martellate, brunite e, successivamente, con tecniche più sofisticate come l\'incisione, la fotoincisione, la xilografia. Nel \'22 l\'attività è ormai una realtà imprenditoriale consolidata, gli operai sono più di 70 e la produzione include articoli di abbigliamento e arredamento, piccola pelletteria, borse, guanti.


È del \'28 il conferimento dell\'incarico da parte della Fiat per la fornitura dei cuoi decorati destinati ai corridoi e ai pannelli dei sedili del primo treno reale costruito in Italia. Dal dopoguerra in poi, il prestigio del marchio continua a consolidarsi puntando da un lato sull\'utilizzo di sistemi produttivi moderni e innovativi e dall\'altro sul significativo contributo di artisti e designer affermati. Tra moda e stile, oggi l’azienda ha fatto della progettualità creativa del design la chiave del suo successo. Unica tra i grandi dell\'universo delle ‘griffe’, ha sempre affidato la regia delle proprie linee a designer che studiano il modello, lo sviluppo, la realizzazione dei materiali fino al packaging.


   

da Simone Baroncia




Questo è un articolo pubblicato il 28-02-2009 alle 19:37 sul giornale del 28 febbraio 2009 - 1042 letture

In questo articolo si parla di cronaca, regione, tolentino, prezzi, simone baroncia, crisi


logoEV
logoEV