Bilancio 2009: dibattito consiliare

bilancio 4' di lettura 04/03/2009 - Avviata lunedì dal consiglio comunale di Macerata la discussione sulla proposta di bilancio di previsione 2009 e quello pluriennale 2009/2011.

\"Un bilancio -ha sottolineato il vice sindaco Lorenzo Marconi nella presentazione - caratterizzato dal forte rigore finanziario e da una consistente contrazione delle spese di funzionamento della struttura comunale. Malgrado ciò esso mantiene invariate per l\'anno 2009 le aliquote delle tariffe dei servizi e un forte impegno nel mantenimento dello standard qualitativo dei servizi sociali destinati alle persone e alle famiglie\".


Ancora forte infatti nel bilancio 2009 risultano gli stanziamenti per i servizi sociali visto il contesto della crisi finanziaria e del mercato del lavoro in cui ci si troverà ad operare. Proprio in considerazione di ciò è stato inserito un fondo di solidarietà di 60.000 euro finalizzato al sostegno dei redditi dei cittadini e famiglie che a causa della crisi si trovino in cassa integrazione e mobilità, attraverso l\'abbattimento dei costi dei servizi come asili e mense. La contrazione delle spese che caratterizza questo documento contabile è resa necessario anche in considerazione del sempre stringente vincolo del patto di stabilità interno che, nello stato attuale, impedisce ogni sviluppo per quanto riguarda l\'erogazione dei servizi ed anche negli investimenti patrimoniali.


\"Impegno - ha sottolineato ancora Marconi - anche nella realizzazione di un programma di investimenti destinato principalmente a viabilità, scuole e cultura; conferma per il 2009 dell\'investimento di risorse su iniziative di particolare rilievo per la città: Stagione lirica, Musicultura, allestimento del museo di palazzo Buonaccorsi, celebrazione del IV centenario Padre Matteo Ricci; e nelle iniziative in materia di sviluppo sostenibile: disciplinare per il risparmio energetico funzionale alla definizione del Regolamento edilizio sostenibile, il Piano Energetico Ambientale Comunale (PEAC), la realizzazione di impianti solare termico in otto strutture comunali e la realizzazione di impianti fotovoltaici a Fontescodella e al Cimitero\".


I numeri del bilancio 2009 sono: 85 milioni 500 mila euro di movimento finanziario, tra cui 39 milioni e 500.000 per le spese correnti e 25 milioni per gli investimenti. Oltre 18 milioni sono le entrate tributarie previste e circa 15 milioni i trasferimenti dallo stato e regione. Per quanto riguarda le tariffe, si riconfermano le aliquote ICI, dal 7 per mille per quella ordinaria al 5 per mille per quelle date in locazione, tenuto conto dell\'abolizione dell\'imposta per l\'abitazione principale. Riduzione del 40% della Tassa sui rifiuti solidi urbani per coloro che hanno un reddito ISEE non superiore a 7.500 euro, mentre ci sarà l\'esenzione dall\'IRPEF per chi ha un reddito ISEE non superiore a 8.500 euro.


I tagli apportati alla gestione comunale su cui sarà sensibilizzato l\'apparato operativo riguardano: cancelleria (-33%), energia elettrica e telefonia (-20%), l\'autoparco (-42%), manutenzioni e abbonamenti (-33%), vestiario (-37%), consumi idrici (-14%). Circa i servizi a domanda individuale la copertura è del 63% per gli asili nido, 57,33% per i mercati e fiere, del 26% per gli spettacoli, del 19% per le mense e del 16% per gli impianti sportivi, per un totale di circa il 31% del costo di gestione. Durante la discussione sul documento contabile si sono registrati gli interventi critici di Placido Munafò (gruppo Menghi) che ha accusato la giunta di incapacità politica nella gestione e nel governo della città, di Giovanni Picchio e Ivano Tacconi (Udc) che hanno sottolineato l\'inutilità delle previsioni di bilancio perché puntualmente vengono disattese per quanto riguarda gli investimenti, elencando una serie di incompiute.


Anche Claudio Carbonari (Pdl) ha criticato le previsioni contenute nel piano delle Opere pubbliche ritenendole difficilmente realizzabile a fronte di un indebitamento che ingesserà il Comune nei prossimi anni ed ha presentato sette emendamenti a nome del gruppo. Diversa la visione invece per Reinhard Sauer (Rifondazione Comunista) per il quale il bilancio si contiene sul fronte delle riduzioni di spesa considerata la crisi economica e le difficoltà cui sono costretti a misurarsi i Comuni. Questo tema è stato approfondito anche da Francesco Launo (Pd) che ha criticato le scelte del governo di non rivedere i vincoli del patto di stabilità, come hanno fatto invece altri paesi europei, perché costituiscono dei limiti alle opportunità che gli enti locali potrebbero avere nelle spese per contribuire al superamento della crisi. Su questo argomento il consigliere ha presentato un ordine del giorno per impegnare il governo in tal senso, sottoscritto anche da altri consiglieri del gruppo.


Commemorazione. Il consiglio comunale si è aperto con la commemorazione di Elio Torelli ex usciere e custode del palazzo comunale di piazza della Libertà, scomparso lo scorso 24 febbraio. Torelli è stato l\'ultimo custode della casa comunale. Collocato in pensione dopo 25 anni di servizio ha abitato infatti per anni nel piccolo alloggio cui si accede dal cortile del palazzo del Comune, ora sede di archivi, per svolgere il suo lavoro di sorveglianza degli spazi comunali. Alla famiglia il cordoglio del consiglio comunale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-03-2009 alle 16:30 sul giornale del 04 marzo 2009 - 679 letture

In questo articolo si parla di politica, bilancio, macerata, comune di macerata





logoEV