Musicultura 2009: un grande successo

cd compilation musicultura 2009 2' di lettura 19/06/2009 - A Macerata tutto è pronto per accogliere una delle rassegne più innovative del panorama cantautorale italiano: Musicultura spegne venti candeline e si appresta a regalare tantissime emozioni, eventi esclusivi e incontri unici al suo appassionato pubblico, marchigiano e non solo.

Dal 24 al 28 giugno, tra gli incontri gratuiti de La Controra e la passerella di grandi ospiti che suoneranno nella magica cornice dell’Arena Sferisterio, che ha già visto esaurire quasi tutti i 2500 biglietti previsti per ogni serata, sta richiamando una forte attenzione non solo degli appassionati di musica.


Gli appuntamenti pomeridiani e le performance dei big della canzone e della poesia italiana e internazionale, coloreranno i vicoli e le piazze della città di Macerata dei tantissimi volti dei visitatori, provenienti da tutta Italia: una prospettiva prevedibile dato il successo di tutte le passate edizioni. Intanto si registra il tutto esaurito negli alberghi di Macerata, che hanno ricevuto quasi 700 richieste di prenotazioni per la settimana delle serate finali, e si prevede che saranno consumati almeno 1500 pasti nei vari ristoranti, bar e self service di Macerata, solo tra artisti, ospiti, tecnici e staff.


Per tutto il pubblico e per l’intera città, quella di Musicultura sarà una settimana ricca di sorprese all’insegna della creatività, della cultura e della musica, resa possibile dall’enorme macchina organizzativa che si attiva in queste settimane.

A sottolineare la forza di questo connubio è lo stesso Assessore alla Cultura del Comune di Macerata, Massimiliano Sport Bianchini : “Musicultura è un’iniziativa importante in sé, a prescindere dai numeri e dagli aspetti economici, perché il festival è cultura e la cultura è un valore in sé. Musicultura cambia l’aspetto della città: crea fervore, eccitazione e partecipazione, non solo alle tre serate finali, ma anche alle iniziative pomeridiane della Controra. L’apporto culturale che dà alla città è enorme perché riesce a fare della qualità e dell’originalità i suoi punti di forza”.

Al di là del riscontro di pubblico e del grande coinvolgimento della città, a proposti di cifre, Bianchini aggiunge “Questo festival che è già grande, ha tutti i numeri per crescere ancora. Ma l’associazione Musicultura sta facendo miracoli. Occorrerebbero più finanziamenti pubblici, magari dal Ministero per i beni e le attività culturali che per ora riconosce il valore del patrimonio della canzone popolare.”





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-06-2009 alle 16:28 sul giornale del 19 giugno 2009 - 913 letture

In questo articolo si parla di attualità, macerata, musicultura, musicultura festival