Caldarola: Circolo e Sestante, prosegue l’esplorazione dei capolavori d’arte

1' di lettura 22/09/2009 - Sabato 26 settembre Circolo e Sestante proseguono l’esplorazione dei tesori e dei capolavori d’arte custoditi in Regione, proponendo un’escursione rapida, dalle 16,00 del pomeriggio, a Caldarola.

Sviluppando una felice intuizione di Vittorio Sgarbi, lì dopo quattrocento anni proprio nel Palazzo dei cardinali Pallotta è stata riunita ed ora è in mostra la collezione d’arte dell’alto prelato di Urbano VII che cercò di raccogliere nelle sue dimore il meglio dell’arte del tempo per farne sfoggio con i potenti che ospitò a Caldarola, dalla regina Cristina di Svezia al principe Casimiro di Polonia.


Così dentro un suggestivo palazzo puntualmente restaurato, è offerta l’occasione piuttosto rara di poter ammirare insieme e di confrontarli dipinti di Caravaggio, Reni, Guercino e Mattia Preti. Di particolare interesse, insieme alla grande tela del Guercino “La cacciata dei mercanti dal tempio”, al S. Sebastiano di Guido Reni ed alla Maddalena penitente del Caravaggio, anche dipinti di altri importanti seppure meno noti autori (Domenichino, Cantarini, ecc.) di cui c’è traccia nella nostra pinacoteca di Senigallia.


In più la magnificenza dei saloni e soffitti a cassettoni e l’affascinante Stanza del Paradiso. Come è tradizione, dopo la visita che sarà guidata da un esperto è prevista una pausa di ristoro all’insegna delle stuzzicherie ruvide marchigiane e poi il rientro in città verso le 23,00. Per maggiori informazioni, la sede del Circolo (a Palazzo Mastai) sarà aperta tutte le sere a partire dalle 18,40.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-09-2009 alle 18:26 sul giornale del 22 settembre 2009 - 735 letture

In questo articolo si parla di arte, attualità, franco porcelli, caldarola





logoEV