Fiuminata: no definitivo al progetto della diga sul Rio Capo d\'Acqua

wwf 2' di lettura 03/12/2009 - Il Progetto consisteva nella realizzazione di una diga (60 metri di altezza per 500 metri di lunghezza) per la creazione di un lago di 110 ettari in cui venivano raccolte le acque del fiume Potenza e del torrente Scarsito in località Bivio Ercole (Fiuminata). Le acque del lago successivamente andavano ad integrare il sistema irriguo delle tre vallate del Potenza, Cingoli e Tolentino

Nelle intenzioni dei promotori, poi dal lago dovevano partire condotte di adduzione per portare parte dell\'acqua fino al lago di Cingoli, e altra fino al lago Le Grazie di Tolentino, costituendo un sistema irriguo integrato delle tre vallate, necessario a sostenere una superficie irrigua di 23 mila ettari.

Le motivazione addotte dalla Commissione Tecnica di Verifica dell’Impatto Ambientale per cui è stato respinto il progetto sono le evidenti lacune metodologiche e conoscitive che sono emerse nel corso dell’iter di valutazione di impatto e ambientale e la necessità di attivare un tavolo tecnico locale tra Regione Umbria e Marche, Enti e Province per la corretta valutazione della risorsa acqua e per capire quali soluzioni progettuali si possano adottare per gestire al meglio il bene idrico sia per uso agricolo che per uso idropotabile.

In particolare la Valutazione di Impatto riguardo alla costruzione della diga non era assolutamente adeguata: presentava infatti carenze documentali sia sugli aspetti progettuali che ambientali che non permettevano di capire la compatibilità ambientale delle opere in progetto e ancor più grave erano completamente assenti le Valutazioni in merito ai SIC (Siti di Importanza Comunitaria) di “Fosso della Vallaccia” e “Piano di Pioraco”, zone soggette all’impatto della diga sia durante la sua costruzione che durante il suo esercizio.

Per il futuro, solo a seguito dell’istituzione del Tavolo tecnico e dei risultati delle analisi che scaturiranno da esso e dell’aggiornamento adeguato della Valutazione potranno essere apportate eventuali modifiche al progetto. In questo periodo caratterizzato da azioni gravissime che segnano negativamente il nostro territorio come il Piano Casa o la riperimetrazione dei Sic e Zps della Provincia di Pesaro e Urbino, questa è una buona notizia per la tutela del nostro ambiente. .





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-12-2009 alle 16:40 sul giornale del 04 dicembre 2009 - 890 letture

In questo articolo si parla di ambiente, attualità, wwf marche, wwf, fiuminata, progetto, Rio Capo d\'Acqua





logoEV