Possibile alleanza tra Gianmario Spacca e Udc, quali scenari in provincia?

2' di lettura 28/12/2009 - Manca solo l\'ufficialità, ma sembra ormai cosa fatta l\'alleanza tra Gianmario Spacca, presidente uscente delle Marche e l\'Udc, che in provincia però governa col centrodestra

Era stato battezzato come il matrimonio politico del 2009, quello tra Franco Capponi e Antonio Pettinari, presidente regionale dell\'Udc, in vista delle elezioni provinciali. Un\'alleanza con i moderati che unita ad altri fattori ha portato all\'elezione congiunta dei due treiesi ai vertici della provincia di Macerata, rispettivamente come presidente e vicepresidente.


Ieri a margine della conferenza stampa di fine anno del presidente della regione Gianmario Spacca, lui stesso ha ribadito che a Roma è in corso la trattativa tra Bersani e Casini, mentre a livello regionale sarebbe già partito un confronto sui programmi, con Palmiro Ucchielli, presidente regionale del Pd come gran tessitore.


Cosa farà l\'Udc maceratese? In provincia ha appoggiato e sostenuto Franco Capponi, contribuendo in modo decisivo alla vittoria. Oltre al vicepresidente Pettinari, conta gli assessori Giorgi e Bottacchiari, pari ad un terzo della giunta Capponi e le decisioni che giungeranno da Roma, non saranno senza conseguenze per l\'ente locale. Il capogruppo consiliare in provincia è il segretario maceratese dell\'Udc, Augusto Ciampechini. Se i vertici locali del partito non accetteranno il diktat romano, si profila la possibilità di defezioni. In caso contrario ci sarà un \"caso anomalo\" di partito a doppia maggioranza. Tecnicamente possibile, ma eticamente ammissibile?


Nel caso di un\'alleanza regionale con il centro sinistra anche per le comunali a Macerata si prospettano caselle vuote da riempire, visto che Fabio Pistarelli, candidato sindaco del Pdl, aveva dato per certa l\'alleanza con l\'Udc, mentre Giulio Conti respingeva l\'ipotesi come impossibile, proprio in vista delle regionali. Anche alcuni esponenti maceratesi dell\'Udc, si erano detti favorevoli a creare un terzo polo, alternativo a centro destra e centro sinistra per le elezioni comunali a Macerata.


In un\'intervista sulla stampa locale Pettinari aveva dichiarato che il suo partito non era disponibile a \"fare da stampella\" per \"alleanze balneari con coalizioni già al governo\". Ora però è il momento di tirare le somme, e le decisioni prese lasceranno impronte sullo scacchiere politico locale.








Questo è un articolo pubblicato il 28-12-2009 alle 23:47 sul giornale del 29 dicembre 2009 - 682 letture

In questo articolo si parla di politica, monia orazi





logoEV