Camerino: riparte il 23 gennaio la 43esima edizione di Concerti a Palazzo

musica 4' di lettura 10/01/2010 - Otto concerti per tutti, appassionati di musica da camera, jazz, neofiti e persino bambini. Presentato sabato 9 gennaio durante una conferenza stampa a Palazzo comunale Bongiovanni il programma della nuova edizione della rassegna Concerti a Palazzo, organizzata come ogni anno dalla sede di Camerino della Gioventù Musicale d\'Italia.

La stagione si snoda nell’arco di tre mesi e attraverso le esibizioni dei migliori talenti internazionali, giovani emergenti, tradizione cameristica e musica contemporanea, teatro e spettacoli per bambini. Dopo i successi estivi del Camerino Festival, l’Associazione inizia il nuovo anno con la tradizionale Stagione Concertistica invernale, giunta alla sua 43ª edizione e sostenuta, come ogni anno, da vari enti.


I concerti si alterneranno tra il Teatro Filippo Marchetti e la Sala Consiliare del Comune di Camerino, entrambi all’interno di Palazzo Bongiovanni, a cui la rassegna deve il suo nome. “Eventi come questo”, afferma il vicesindaco e assessore alla cultura Gianluca Pasqui, “caratterizzano la nostra offerta culturale e il traguardo della 43esima edizione testimonia la serietà con cui sono organizzati gli eventi e l’amore che riscontrano nel pubblico”.


Ad illustrare il programma è stato Francesco Rosati, Presidente della GMI di Camerino e direttore artistico della rassegna, che ha ricordato che “Camerino è uno dei pochi comuni marchigiani a poter vantare una stagione concertistica invernale consolidata”. L’avvocato Corrado Zucconi, già presidente della Gmi di Camerino fino al 1991, ha sottolineato, infatti, l’intensa attività portata avanti dall’Associazione e, in particolare, da Rosati, con un attivo di oltre 500 concerti che hanno portato in città pubblico da tutta la regione e anche dal resto d’Italia.


Si inizia sabato 23 gennaio alle 21.15 al Teatro Marchetti con la serata di inaugurazione della stagione, affidata all’Orchestra Filarmonica Marchigiana diretta, per l’occasione, da David Geringas, uno dei più grandi violoncellisti viventi, che oltre a dirigere l’orchestra si esibirà anche come solista nel Concerto per violoncello e orchestra op. 129 di Robert Schumann. Gli altri concerti, come da tradizione, si terranno tutti la domenica pomeriggio, a partire dalle 17,45.


Domenica 14 febbraio si esibirà la formazione cameristica per eccellenza: il quartetto d’archi. Arriva a Camerino direttamente dalla Russia l’Anima String Quartet, una giovane compagine nata al Conservatorio di San Pietroburgo e premiata lo scorso anno al prestigioso Concorso Schubert, a Graz. Nel programma il Quartetto op. 95 di Beethoven e il Quartetto op. 73 di Šostakovič.


Dalla tradizione degli archi si passa alla rivisitazione, in chiave cameristica, di due capolavori di Gershwin e Bernstein eseguiti dal Trio Diaghilev. La formazione originale ed effervescente, composta da due pianoforti e percussioni, suonerà a Teatro domenica 21 febbraio il poema sinfonico Un americano a Parigi, di George Gershwin, e la suite tratta dalla musical comedy West Side Story di Leonard Bernstein.


Le date del 14 e del 28 marzo sono dedicate a due giovanissimi talenti: il pianista diciannovenne Alexej Gorlatch e la violinista di soli 14 anni Raphaëlle Moreau. Nonostante la giovane età hanno entrambi alle spalle numerosi premi e un carnet di concerti nelle sale più prestigiose e con le orchestre più blasonate.


Nel programma dei Concerti a Palazzo anche due appuntamenti molto particolari: il 28 febbraio Musikanten, un ensemble di fiati e tre attori attraverso gag, musica jazz, classica, blues e ritmi latini, racconteranno una personale versione de “I musicanti di Brema” dei fratelli Grimm e il 21 marzo, il “musicattore” Luigi Maio, il più autorevole rappresentante del teatro musicale da camera in Italia, presenterà Eine Kleine Zauberflöte (Un piccolo Flauto Magico), opera buffa da camera. Affiancato dal Trio Hyperion, Maio darà prova del suo eclettismo interpretando tutti i personaggi del capolavoro mozartiano.


“L’educazione alla musica inizia da piccoli”, dichiara Vincenzo Scuri, dirigente dell’Istituto Comprensivo “Betti Boccati” di Camerino, “e la scuola deve svolgere il suo compito avvicinandoli alla musica d’arte”. La stagione chiuderà, il 18 aprile, con un omaggio ad una giovane promessa locale: il pianista jazz Alberto Napolioni, nato a Camerino e che si è appena aggiudicato ad Umbria Jazz una borsa di studio presso il prestigioso Berklee College of Music di Boston. Eseguirà musiche di Keith Jarrett.


Il costo dei biglietti, in vendita presso il botteghino la sera dei concerti, è di 15 euro, con riduzioni per minori di 25 anni, studenti dell’Università di Camerino e anziani sopra i 65 anni. Ingresso omaggio, invece, per minori di 14 anni e iscritti al Liceo Musicale “N. Biondi”. Per informazioni e prenotazioni: 0737-630193; 338.3821153; www.gmicamerino.it; info@gmicamerino.it






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-01-2010 alle 17:54 sul giornale del 11 gennaio 2010 - 863 letture

In questo articolo si parla di musica, spettacoli, camerino, comune di camerino





logoEV