Il terremoto raddoppia, quattro scosse in un\'ora tra Fermo e Macerata

3' di lettura 12/01/2010 - La più forte di magnitudo 4.0 alle 9.25, con epicentro tra le province di Macerata e Fermo, nei comuni di Sant\'Angelo in Pontano e Loro Piceno, sul versante maceratese, Montappone e Falerone per il fermano, stesso epicentro di due giorni fa. Nove scosse in tutta la giornata, l\'ultima alle 20.05, di magnitudo 2,8 a 22,7 km di profondità.


Dopo due giorni la terra è tornata a tremare di nuovo, tra Sant\'Angelo in Pontano e Loro Piceno, nel maceratese e Montappone e Falerone, in provincia di Fermo. Quasi alla stessa ora di domenica mattina, ma con un\'intensità più forte.


La prima scossa si è sentita alle 9.07 con magnitudo 2,9 ed una profondità di circa 22,2 km. La botta più forte alle 9.25, magnitudo 4 della scala Richter e una profondità minore, circa 25,6 km. Il terremoto ha anche concesso due deboli repliche, alle 9.35 ed alle 9.48, due scosse di magnitudo 2.6 ed una profondità pari a 25 chilometri la prima e 16,5 la seconda. Grande la paura tra le popolazioni della zona, diverse classi delle scuole sono state evacuate.


Tutti non parlano d\'altro, molte le chiamate ai centralini dei vigili del fuoco. I tecnici dei comuni interessati hanno iniziato a fare dei sopralluoghi, ma al momento non sembrano esserci segnalazioni rilevanti. Potrebbero essere riscontrati lievi danni alle strutture di edifici meno solidi, oppure già pericolanti.


Ecco la scheda dell\'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia relativa alla scossa delle 9.25


AGGIORNAMENTO FINALE

Altre due scosse di terremoto si sono verificate alle 12.26 ed alle 12.40, entrambe di magnitudo 2.7, a profondità rispettivamente di 22,3 km e 18,8 km. Un\'altra forte scossa si è verificata alle 14.35 di magnitudo pari a 4.1 della scala Richter, e profondità di 24 km. Alle 15.04 l\'ultima delle otto scosse registrate durante il giorno, di magnitudo 2,5 e profondità 20 km. Lievi danni si segnalano a chiese storiche e nel comune di Ripe San Ginesio (Mc). In alcune scuole le lezioni sono state sospese. Nove scosse in tutta la giornata, l\'ultima alle 20.05, di magnitudo 2,8 a 22,7 km di profondità.


Nella scheda dell\'Ingv, relativa alla scossa delle 9.25 si precisano meglio alcune caratteristiche del sisma. Ecco quanto riportato: \"Un terremoto di magnitudo(Ml) 4 è avvenuto alle ore 09:25:10 italiane del giorno 12/Gen/2010 (08:25:10 12/Gen/2010 - UTC).
Il terremoto è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell\'INGV nel distretto sismico: Zona_Ascoli_Piceno.
I valori delle coordinate ipocentrali e della magnitudo rappresentano la migliore stima con i dati a disposizione. Eventuali nuovi dati o analisi potrebbero far variare le stime attuali della localizzazione e della magnitudo.

Le località più vicine all\'epicentro sono Colmurano e Gualdo entrambe in provincia di Macerata.
La profondita\' epicentrale e\' di 25 km. Le coordinate dell\'evento sono 43.123N, 13.413E.
Questo terremoto segue alcuni eventi che si sono verificati a partire dal 7 Gennaio con magnitudo tra Ml 2.5 e 3.0 e magnitudo massima Ml 3.9 registrata il 10 Gennaio 2010.
La sismicita\' avviene a profondita\' tra i 15 ed i 25 km. Il terremoto di oggi e\' seguito da una sequenza di aftershocks e fino a questo momento (10:50 Italiane) sono state registrati 17 aftershock con magnitudo massima di 2.6.
La regione interessata dall\'evento e\' caratterizzata da una sismicita\' storica relativamente importante, con eventi che non hanno superato magnitudo M 6. Il piu\' importante evento storico dell\'area e\' quello del 1873, localizzato a circa 10-15 km verso Ovest rispetto all\'epicentro odierno.
La sismicita\' strumentale registrata negli ultimi anni (2003-2008) mostra l\'attivazione di alcune sequenze sismiche simili a quella che si sta registrando in questi giorni.
La zona e\' considerata a media pericolosita\' sismica, ed e\' stata classificata nella zona 2 della classificazione sismica del territorio nazionale.\"








Questo è un articolo pubblicato il 12-01-2010 alle 10:17 sul giornale del 13 gennaio 2010 - 1634 letture

In questo articolo si parla di cronaca, monia orazi, loro piceno, sant\'angelo in pontano, falerone, Montappone, sisma