Silenzi: \'Solidarietà ai dirigenti mortificati da Capponi\'

giulio silenzi 2' di lettura 24/01/2010 - Esprimo solidarietà a quei dirigenti mortificati dalla decisione di Capponi che ha visto il prevalere di interessi diversi dalla competenza e professionalità.

Capponi porta così a compimento un disegno che era chiaro fin dall’inizio. La sua prepotenza è davvero tanta. Dapprima si inventa l’illegittimità del decreto n.33 del 12-12-2008 da me firmato, poi non ne parla più e parla invece di “rivisitazione” per la carenza di una serie di passaggi non meglio precisati e con questo motivo inventato ora procede ad un nuovo conferimento degli incarichi. La verità è che si compie un atto non previsto dal regolamento di organizzazione degli uffici e servizi (art.13,comma 7) né dalla legge. Capponi ha fatto passare i primi 90 giorni di tempo previsti dal regolamento provinciale per conferire gli incarichi, e trascorso tale termine ogni dirigente sarebbe dovuto rimanere al suo posto fino alla scadenza prevista a dicembre 2010.

Per normalizzare, in questa fase elettorale per Macerata e Regione, ha escogitato una procedura che espone la Provincia a ricorsi e danni, con pareri legali che sono stati secretati e con dirigenti coinvolti nel ricorso al precedente decreto. Si è arrivati ad una decisione che la dice lunga su come Capponi voglia comandare e non governare questa provincia. Si è voluto, in alcuni casi, premiare le affinità politiche e cosa ancor più grave si è voluto colpire nella professionalità chi aveva raggiunto nel proprio lavoro risultati straordinari ma che forse aveva la pecca di avere dalla propria parte solo un’alta professionalità. Grida ad esempio vendetta la penalizzazione, tra gli altri, della dottoressa Scipioni che ha svolto in maniera ineccepibile il suo lavoro con il raggiungimento del patto di stabilità, che ha fatto quadrare il bilancio della provincia rendendolo uno dei migliori delle province d’Italia e che ora è stata spostata ad altro incarico senza una valida e logica motivazione. Capponi ha avuto l’ardire di affermare che tutto ciò rasserena il clima in quanto è stato fatto su richiesta dei dirigenti stessi. Si tratta invece in alcuni casi di una normalizzazione iniziata con il dottor Mariotti e che oggi tocca l’apice. La volontà è stata quella di “controllare politicamente quei settori strategici” dove arriveranno in scadenza le tante cambiali elettorali.

da Giulio Silenzi
Consigliere Provincia di Macerata




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-01-2010 alle 15:10 sul giornale del 25 gennaio 2010 - 815 letture

In questo articolo si parla di giulio silenzi