Tolentino: Tolentino 815, grande considerazione dalla Regione e scarsa dal Comune

6' di lettura 25/01/2010 - L’Associazione Tolentino 815 sta attraversando una situazione che si può definire paradossale! A livello regionale sta ottenendo il più altro livello di riconoscimento da 13 anni ad oggi, con l’approvazione entro breve dal Consiglio Regionale della Legge “Valorizzazione dei Luoghi delle Battaglie di Tolentino e Castelfidardo”, promossa dalla stessa.


Al contrario, a livello locale sta ricevendo la più bassa considerazione dell’Amministrazione Comunale di Tolentino da quando è stata costituita, con la conseguenza grave della decisione definitiva di rinuncia alla Rievocazione Storica Tolentino 815.


Già da qualche anno si era concordata, a seguito dei problemi incontrati in precedenza, una manifestazione biennale, ma la situazione è andata peggiorando dal 2007 con l’insediamento della nuova Giunta e Assessore, che alle molteplici promesse verbali non ha fatto mai seguire atti concreti.

L’Associazione Tolentino 815 è infatti ancora in attesa di riscontro ad una lettera del 31.8.2007 (quasi 2 anni e mezzo!), sollecitata con altre 7 lettere ed altrettanti messaggi di posta elettronica, che affrontava quattro questioni e richiedeva risposta scritta.
1.Parco Storico.
Deliberazione di Giunta e Consiglio Comunale che riconoscesse il valore del Progetto e lo promuovesse a tutti i livelli quale comune capofila, nei confronti dei molti soggetti interessati
L’unica Delibera a favore del Progetto è un generico Atto di Indirizzo, n.34 del 29.1.2002.
Le Proposte di Legge in discussione alla Regione Marche sono state presentate autonomamente dai Consiglieri Regionali Comi e Massi.
2.Rievocazione Storica.
Convenzione pluriennale (richiesta fin dal 30.11.2002) con lo scopo di programmare in tempi certi la manifestazione, evitando i patèmi d’animo (nel 2005 la Delibera di Giunta è datata 23 Dicembre, cioè, dopo 7 mesi dalla data di svolgimento!), o amare sorprese (nel 2008 da Delibera di Giunta ha previsto € 1.500,00 in meno rispetto a quanto promesso dall’Assessore Seri, con le difficoltà immaginabili per gli impegni presi).
3.Costumi del Dipartimento del Musone.
Accettazione della cessione gratuita della Mostra del valore di € 15.000,00 (22 Costumi, 22 Manichini, 22 Pannelli), realizzata nel corso di vari anni. Ad essa si sono aggiunte, da parte di soci dell’Associazione, altre offerte di cessione gratuita:
- Fondo di n. 1000 libri ca. su Murat e Napoleone;
- Armate miniatura di n. 100.000 ca. soldatini di piombo, di tutte le epoche.
4.Sede Sociale.
Tolentino 815 è senza sede dal 2001 (9anni!). La prima sede al Torrione San Catervo (la migliore che ci possa essere, in quanto luogo che è stato teatro dell’avvenimento di cui si occupa l’Associazione) dopo la ristrutturazione fu destinata ad altra attività, con la promessa del reintegro nel caso si fosse liberata; lo è dal 2008, ma nessuna riassegnazione è avvenuta.

Alcune difficoltà si erano già manifestate negli anni scorsi; nel 2002 l’Associazione in una lettera aperta al Sindaco di Tolentino aveva minacciato l’abbandono della Rievocazione storica e nel 2005 aveva presentato una petizione, con 1200 firme raccolte, alla Giunta Comunale per sostenere i propri progetti.
L’anno dopo il 2006, vista la nullità dell’effetto petizione, annullò la Rievocazione Storica, che di fatto non si svolse neanche l’anno successivo il 2007.
A seguito del cambio dell’Assessore alla Cultura e al Turismo e del rinnovato entusiasmo, nel 2008 è stata organizzata una buona rievocazione storica; purtroppo l’entusiasmo è naufragato dopo poco tempo.
Infatti l’Associazione Tolentino 815 nel febbraio 2009, per ottenere risposte dall’Amministrazione Comunale, ha promosso una forte azione protesta mettendo in atto una “Autosospensione”; nonostante ciò nessun riscontro. A luglio 2009 ha pertanto dovuto comunicare, suo malgrado, la rinuncia definitiva ad organizzare la Rievocazione Storica e la cessione gratuita della Mostra e delle Collezioni ad altri Comuni (tra cui Castelfidardo che ha subito mostrato interesse).
Ora trascorsi ulteriori 5 mesi, forse nella vana speranza di invertire la tendenza all’annullamento del lavoro di oltre 13 anni, l’Associazione Tolentino 815 ritiene necessario rendere pubblica questa situazione paradossale!

Eppure la Rievocazione Storica Tolentino 815 nell’arco delle edizioni dal 1996 ad oggi ha concorso in maniera significativa alle promozione culturale e turistica di Tolentino e del territorio circostante, ha ottenuto molti successi e portato in alto il nome della città.
Basta ricordare i più importanti riscontri a livello nazionale. Le riviste mensili Cavallo Magazine e Bell’Italia dedicano un servizio di 10 pagine all’evento nel 1999, e Plein Air l’anno dopo.
Nel 2000 la trasmissione televisiva di punta della domenica pomeriggio di RAI 2 “Quelli che il calcio…” condotta da Fabio Fazio, sceglie Tolentino 815 per la sede esterna con l’inviato Paolo Brosio che partecipa alla Rievocazione Storica; furono effettuati n. 8 collegamenti con punte di ascolto di 8.000.000 di telespettatori.
La rassegna stampa della manifestazione è molto nutrita e comprende testate nazionali e locali, per un totale di varie centinaia di servizi, articoli e menzioni (QuiTouring, Dove, Mototurismo, Tuttoturismo, Specchio, Tuttostoria, Progress, Master Viaggi, Sereno Variabile, Canale Viaggi...).
Il 2001 è stato un anno memorabile in quanto il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi ha ricevuto in forma ufficiale Tolentino 815, ed altre Rievocazioni Marchigiane, insieme al Vice-Sindaco del Comune di Tolentino.

Tolentino 815 è stata la prima Rievocazione storica del periodo napoleonico del Centro Sud Italia, oltre che esempio per altre, si è affermata quale raro caso di continuità e periodicità annuale in ambito nazionale. Il Gruppo Storico “2° Reggimento Cavalleggeri” che ne costituisce il nucleo principale e la caratteristica spettacolare, è stato invitato alle Rievocazioni Storiche del periodo napoleonico più importanti in Europa; ogni volta ottenendo un riscontro entusiasmante per sè e per la città di Tolentino e facendo da volano per la promozione culturale e turistica.

Ma la funzione più importante che ha svolto Tolentino 815 è quella di divulgazione di massa di un fatto storico che non tutti i libri di storia riportano e pochi conoscevano, inquadrandolo nella giusta cornice di prima battaglia per l’indipendenza italiana. Tolentino crocevia della Storia Nazionale: inizio e fine dell’epoca franco-italica, tra il declino del potere temporale pontificio (Trattato del 19 fabbraio 1797 tra Napoleone Bonaparte ed i rappresentanti dei Papa Pio VI) e le origine del Risorgimento (Battaglia del 2 e 3 maggio 1815).
Ciò è stato possibile insieme all’opera di approfondimento storico dell’Associazione Tolentino 815, che ha pubblicato sei Libri, tredici Guide, due Videocassette, un CD-Rom, un War-game, organizzato mostre, concorsi, convegni nazionali e internazionali, competizioni scientifiche in collaborazione con Università e Scuole, promosso gemellaggi ed elaborato il Progetto di Parco Storico. Esso infatti è stato preso ad esempio per approvare la Legge Regionale n.2 del 15.1.2009 della Regione Calabria “Parco Storico del decennio francese in Calabria”.

L’Associazione Tolentino 815 continuerà a curare le attività di carattere storico-culturale per la creazione del Parco Storico Regionale delle Battaglie di Tolentino e Castelfidardo, i due fatti che segnano l’inizio e la conclusione del sogno risorgimentale dell’Italia unita, per la conservazione, tutela e restauro del patrimonio architettonico e paesaggistico, e la loro valorizzazione a scopo di promozione culturale e turistica.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-01-2010 alle 19:29 sul giornale del 26 gennaio 2010 - 849 letture

In questo articolo si parla di attualità, associazione storica tolentino 815, tolentino 815





logoEV