Musicultura: ancora un week end con la musica d’autore, chiude Ernesto Bassignano

4' di lettura 31/01/2010 - Trascorso il secondo weekend, le Audizioni Live di Musicultura tornano giovedi 4 febbraio per l’ultima quattro giorni dedicata alla canzone d’autore, che si chiuderà domenica 7 febbraio con il concerto di Ernesto Bassignano che Musicultura propone in anteprima nazionale in occasione dell’uscita del suo ultimo disco “Aldilàdelmare”, a vent’anni dall’ultimo album “La luna e i falò”.

Centellinata in tre week end, la selezione è diventata ancora più intrigante, con le esibizioni live e le storie degli artisti a fondersi inscindibili sotto gli occhi del pubblico e della commissione d\'ascolto, formata da esperti e studenti delle università di Macerata e Camerino. Nessuna didascalia, solo storie, intrecci musicali, e percorsi che hanno portato gli artisti fino alle Audizioni Live di Musicultura.


Una formula che è diventata un classico, e che ogni sera conquista sempre di più il pubblico che può accedere gratuitamente alla sala, o seguire la diretta live da casa, in streaming, su www.arcoiris.tv.


Così è stato anche in questo week end che ha marcato ancora di più quello \"stile Musicultura\" che emerge col passare delle serate dedicate alle audizioni. Quel ritrovare suoni e voci della tradizione popolare magari miscelandolo con linguaggi nuovi e nuovi strumenti, percorrendo sentieri inesplorati. Uno stile che si fonde sempre più dolcemente con quello che è il tratto fondamentale di Musicultura, ossia la canzone d\'autore nella forma più naturale e immediata, quella di una chitarra e di una voce. Come i tre brani che ha proposto nella serata di sabato Ciccio Zabini, alias Francesco Zabini, nato a Lecce ma residente a Bologna, che ha fatto ritrovare al pubblico del teatro della Filarmonico Drammatica di Macerata un giovane e intimo De Andrè. Altrettanto intima, ma piena e convincente è stata l\'esibizione di Melissa Ciaramella, la cantautrice romana che ha colpito particolarmente il critico musicale Stefano Bonagura, \"per l\'intonazione e la pienezza delle note che riesci a cogliere\".


Tra le esibizioni più intime si è inserita quella roboante e irriverente dei Bahbohmah, vecchia conoscenza di Musicultura, anche loro provenienti dalla capitale. Tono ironico e scenografia popolata dalle sagome dei personaggi protagonisti dei loro brani, \"Il bar\", \"Il tendone delle normaliglie\", \"Rifacimenti\", hanno subito conquistato il pubblico, con il loro stile scanzonato infarcito di battute.


Ritorno alla chitarra e voce con Fabrizio Zanotti, già audizionato nell\'edizione dello scorso anno, prima della band di Antonio Diodato, anche lui romano. Forse il più pop tra gli audzionati che si sono proposti al pubblico e alla commissione d\'ascolto di Musicultura, che al termine della serata ha premiato, per l\'intepretazione più originale Ciccio Zabini, che ha ricevuto il Premio Sisme da Andrea Guerranti, direttore tecnico del\'azienda osimana fornitrice dei supporti tecnici per Musicultura.


L\'appuntamento è per giovedi prossimo con l\'ultimo week end dedicato alle Audizioni Live di Musicultura, che vedrà protagonisti sul palco del teatro della Filarmonico Drammatica, giovedi 4 febbraio, dalle ore 21, Gaia Groove, da Roma, Francesca Romana Perrotta, da Cesena, Marco Saltatempo, da Caserta, Vincenzo Scruci, da Bologna e Giuseppe Tomassini, da Senigallia (An). Venerdi, 5 febbraio, sempre dalle 21, Ance, da Empoli, Serena Ganci, da Palermo, Simona Gretchen, da Faenza, Giancarlo Ingrassia, da Formello (Rm) e Sfere Cristalline Concentriche, da Milano). Sabato 6 febbraio, dalle ore 21.00, Peppe Galuffo, da Milano, Cinzia Mai da Milano, Gaspare Palmieri, da Modena, Radiolondra, da Riccione e Tinamaria, da Roma.


Solita formula. Tre brani live e scambio di sensazioni e racconti con la commissione d\'ascolto. Nessuna didascalia, solo storie e percorsi di questi quarantanove artisti che aggiungono colori e sfumature a quel capolavoro in progress da oltre venti anni, chiamato Musicultura.


Al termine delle audizioni, verranno proclamati i 16 finalisti del concorso, i cui brani, inseriti nel cd compilation di Musicultura, verranno programmati da Radio Uno Rai e sottoposti al vaglio del Comitato Artistico di Garanzia, composto da Claudio Baglioni, Edoardo Bennato, Luca Carboni, Ennio Cavalli, Carmen Consoli, Simone Cristicchi, Lucio Dalla, Teresa De Sio, Tiziano Ferro, Giorgia, Dacia Maraini, Gino Paoli, Vasco Rossi, Teresa Salgueiro, Michele Serra, Daniele Silvestri, Ornella Vanoni, Roberto Vecchioni, Sandro Veronesi, Antonello Venditti.


Da questi scaturiranno gli otto finalisti che si esibiranno sul palco dell\'Arena Sferisterio di Macerata il 18, 19 e 20 giugno prossimi.









Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-01-2010 alle 13:58 sul giornale del 01 febbraio 2010 - 768 letture

In questo articolo si parla di macerata, spettacoli, musicultura, musicultura festival





logoEV