Volley: Lube, missione compiuta con Vibo. A Verona ci aspetta Cuneo

Lube 6' di lettura 20/01/2011 -

La Lube Banca Marche concede il bis, batte nuovamente Vibo Valentia a distanza di tre giorni dalla sfida di campionato andata in scena in Calabria (stavolta 3-1), e stacca il biglietto per la final four di Coppa Italia, Trofeo Banca Popolare di Verona, che si disputerà nella città scaligera il prossimo week end. I biancorossi di Mauro Berruto sabato alle 18.00 se la dovranno vedere con i campioni d’Italia di Cuneo, che stasera hanno battuto San Giustino con un secco 3-0.



Gara inaspettatamente combattuta quella del Fontescodella, dove inizialmente Berruto conferma Facundo Conte nel sestetto titolare tenendo Martino in panca, al cospetto di una formazione calabrese alle prese con moltissime defezioni: out già da qualche giorno Suljagic e Barone (sostituiti dal veterano Iurlaro, titolare, e dal baby Crigna), alla vigilia della gara si sono fermati anche Simeonov (in campo Baroti) ed il libero Fanuli, sostituito da Ferraro. La squadra di Di Pinto parte benissimo, è lineare in ricezione (60% col 45% di perfette) e giostrata a meraviglia da un ottimo Coscione che trova in Anderson il miglior terminale a sua disposizione (9 punti, 78%), e si aggiudica il parziale d’apertura ai vantaggi (27-25 segnato da un attacco out di Podrascanin) dopo che Macerata, presa per mano da un Savani efficace sia in battuta che in attacco (9 punti col 58% e due ace nel parziale, 24 punti finali col 71% in attacco, 3 ace, 2 muri e il titolo di Mvp), aveva raddrizzato una falsa partenza (12-16) trovando prima la parità a quota 19, poi addirittura due set point sul 24-22 (parità con un muro di Baroti). Poi si spegne velocemente dal secondo in poi (Martino in campo al posto di Conte sul 4-5, per lui 6 punti con un buon 75% in ricezione su 14 palloni), sovrastata dal ritorno dei maceratesi che crescono in tutti i fondamentali risultando micidiali al servizio (9 ace totali) e molto più efficaci a muro (7 vincenti), ma anche dai propri, e tanti errori (16) di un attacco che chiude rispettivamente col 32% nel secondo set (17% per Baroti, sostituito nel terzo da Ananiev, 20% per Rivera), e col 40% nel terzo, contro il 74% della Lube che ha un Vermiglio libero di innescare indistintamente (e sempre con successo) tutte le bocche di fuoco a sua disposizione (19 punti anche per Omrcen, che chiude col 53% di efficacia). Nel quarto Vibo tiene botta fino al 17 pari, poi si arrende dopo due battute vincenti consecutive di Podrascanin (3 le battute vincenti, 2 i muri e 9 i punti totali) che valgono la fuga a +3 (20-17) e la qualificazione alla final four.

La cronaca
1° SET – Lube banca Marche in campo con Vermiglio-Omrcen, Podrascanin-Stankovic, Conte-Savani, Paparoni libero. Sulla sponda calabrese, Di Pinto propone invece Coscione-Baroti, Nikolov-Iurlaro,Anderson-Rivera, Ferraro libero.
Calabresi avanti di un break al primo time out tecnico (8-6), +3 al rientro in campo dopo l’errore in attacco di Omrcen. Il successivo errore di Savani manda Vibo sul 10-6 convincendo Berruto a fermare subito il gioco. Macerata torna a -2 dopo l’errore di Nikolov (11-13), il muro di Rivera su Conte ristabilisce le distanze proprio a ridosso del secondo time out tecnico. La Lube torna ancora sotto di due dopo l’attacco di prima intenzione di Savani, che sfrutta la ricezione lunga degli ospiti sul servizio di Stankovic (15-17). Il martello biancorosso trova anche l’ace (sporco) che vale il 18-19 (time out Vibo), quindi la seconda battuta vincente di fila (una sassata) che segna la parità a quota 19. Il primo vantaggio dei maceratesi arriva sul 22-21 con un errore di Rivera, che si ripete poco dopo regalando il set point alla Lube (24-22). Il primo si annulla con un errore al servizio di Conte, il secondo con un muro di Baroti su Savani. Vince Vibo 27-25, con un primo out di Podrascanin.

2° SET – Avvio in equilibrio, sul 5-4 per Vibo Berruto inserisce Martino al posto di Conte. Break Lube al primo time out tecnico col primo tempo in contrattacco di Stankovic (8-6), il +3 lo firma Savani sul 10-7 dopo la ricezione lunga dei calabresi sul servizio di Martino. Vibo non molla, si riporta sul 9-10 murando proprio Savani, ma i biancorossi allungano di nuovo con un ace di Omcren che vale il 13-10, quindi volano a +4 con un errore dei calabresi. Comincia a lavorare bene il muro dei maceratesi, quello di Podrascanin vale il 15-10 e la fuga decisiva nel parziale. Lube avanti 20-14 con l’attacco out di Baroti, finisce 25-17 dopo un errore al servizio dei vibonesi.

3° SET – Resta in campo Martino nei biancorossi, che prendono subito il largo: 7-4 con un muro vincente di Savani, 8-4 con la pipe di Rivera che si spegne sulla rete. E’ un parziale senza storia, Podrascanin firma l’ace del 12-6, sul 18-11 Di Pinto prova la carta Ananiev al posto di Baroti. Ma la musica non cambia. La Lube chiude sul 25-17 con una gran parallela di Omrcen.

4° SET – Break Lube in avvio con il fallo di posizione fischiato ai calabresi sul servizio di Savani (7-5), poi di nuovo parità a quota 8 con un errore di Omrcen. Il croato si riscatta murando Iurlaro per il 10-8, ma Rivera pareggia nuovamente con una battuta vincente (10 pari). Si cammina punto a punto fino al 15-14, quindi arriva l’invasione di Coscione che rilancia Macerata con un break al secondo time out tecnico (16-14). Savani firma l’ace del 17-14, poi commette un fallo di seconda linea che riporta Vibo a -1 (16-17): subito dopo, la parità, con un contrattacco vincente di Rivera che costringe Berruto a chiamare time out per strigliare i suoi. Nuovo strappo con due ace consecutivi di Podrascanin (20-17), che stavolta valgono il match e la consecutiva qualificazione alla final four. Finisce 25-20 e 3-1.

Il tabellino
LUBE BANCA MARCHE: Lampariello n.e., Savani 24, Paparoni (L), Vermiglio 4, Marchiani n.e, Conte 2, Stankovic 3, Martino 6, Vadeleux n.e., Van Walle n.e., Cacchiarelli n.e., Omrcen 19, Podrascanin 9. All. Berruto.
TONNOCALLIPO VIBO VALENTIA: Rivera 13, Coscione 3, Feroleto n.e., Iurlaro 6, Anderson 19, Ferraro (L), Kindgard n.e., Baroti 8, Simeonov n.e., Ananiev 1, Crigna n.e. Nikolov 6. All. Di Pinto.
ARBITRI: Pol (TV) – Padoan (VE).
PARZIALI: 25-27 (28’), 25-17 (23’),
NOTE: Spettatori 1380, incasso 7080 euro. Lube bs 17, ace 9, muri 7, errori 6, ricezione 59% (34%prf). Vibo bs 14, ace 2, muri 10, errori 16, ricezione 51% (26%prf), attacco 48%.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-01-2011 alle 18:06 sul giornale del 21 gennaio 2011 - 589 letture

In questo articolo si parla di sport, macerata, treia, lube volley, lube banca marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/gxb





logoEV