contatore accessi free

Coldiretti Macerata: stop a Tarsu su stalle e serre

Coldiretti 1' di lettura 04/02/2011 -

L’attuale Tarsu non tiene conto del fatto che nelle aziende agricole si produce una quantità limitatissima di rifiuti, mentre quelli speciali sono già smaltiti a carico delle aziende, e finisce dunque per rappresentare un’ingiusta gabella nei confronti delle imprese già in difficoltà per la crisi.





A lamentarlo è la Coldiretti Macerata che ha inviato al Comune maceratese una proposta di revisione dell’attuale regolamento sulla tassa sui rifiuti solidi urbani. L’obiettivo è riconoscere la specificità dell’agricoltura ed escludere stalle e serre dall’applicazione dell’imposta.

“Queste strutture finiscono oggi tra le aree tassabili ma i rifiuti prodotti sono per lo più speciali, come contenitori di fitosanitari, filtri, batterie, e come tali vengono smaltiti a parte con i relativi costi a carico degli agricoltori – spiega Francesco Fucili, presidente di Coldiretti Macerata - D’altro canto i cosiddetti sottoprodotti, ovvero quel che resta dopo la raccolta o negli allevamenti, vengono utilizzati come fertilizzanti o per alimentare caldaie a biomasse”. In definitiva, le aziende agricole smaltiscono già a proprie spese praticamente tutti i rifiuti prodotti ma si trovano a dover sborsare anche la tassa comunale, per di più calcolata su grandi estensioni.

“Da qui la nostra richiesta di rivedere il regolamento sulla Tarsu escludendo nella determinazione della superficie tassabile stalle e fienili, serre, locali di stoccaggio – aggiunge il direttore di Coldiretti Macerata, Assuero Zampini –In questo modo si andrebbe ad evitare che le aziende finiscano per pagare due volte”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-02-2011 alle 17:10 sul giornale del 05 febbraio 2011 - 682 letture

In questo articolo si parla di attualità, agricoltura, coldiretti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/g3u





logoEV
logoEV