Pesca: zona 'No kill' lungo il fiume Potenza

2' di lettura 11/02/2011 -

Per la stagione di pesca 2011 la Provincia di Macerata ha istituito una zona cosiddetta “No kill”, cioè dove, oltre a particolari restrizioni, il pescatore è obbligato a reintrodurre subito in acqua, ancora vivi, i pesci catturati. La finalità è la tutela delle popolazioni ittiche e in particolare la salvaguardia di ceppi autoctoni di salmonidi.



I buoni risultati ottenuti con le sperimentazioni avviate in passato hanno indotto l’ente a prevedere ancora sul territorio una di queste “oasi”. Con delibera approvato dal vice commissario prefettizio, con delega all’ambiente, Sante Copponi, la zona “no kill” è stata istituita in un tratto del fiume Potenza, compreso tra la passerella del Castello di Lanciano e il ponte della strada che dal bivio di Castelraimondo conduce a Camerino.

In questa parte del fiume l’esercizio della pesca è consentito previo rilascio, da parte della Provincia, di un apposito tesserino gratuito, ove è obbligatorio annotare la data delle giornata di pesca, prima che questa abbia inizio. Le giornate di pesca sono liberamente scelte dal pescatore nell'ambito dei periodi consentiti e non possono essere in numero superiore a dodici, nell'arco dell’anno. Inoltre è consentita la pesca con la sola “mosca artificiale”, con ami privi di ardiglione o con ardiglione schiacciato.

E’ altresì vietata la detenzione di esche naturali. L’aspetto più importante è costituito, comunque, dall’obbligo di reintrodurre vivi in acqua i pesci catturati. La tecnica del “No Kill” è praticata da moltissimi anni, prima in America poi in Inghilterra dove è divenuta una vera e propria filosofia e successivamente in altri Paesi europei come l’Italia. La stessa Regione Marche ha previsto con legge del 2003 la praticabilità di questa disciplina, che introduce un sistema sostenibile e compatibile più evoluto, permettendo di creare una interattività tra la pesca sportiva a basso impatto e la risorsa ambientale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-02-2011 alle 17:56 sul giornale del 12 febbraio 2011 - 897 letture

In questo articolo si parla di attualità, macerata, provincia di macerata

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/hjB





logoEV