Paolini (Lega Nord): 'Ora Marangoni si dimetta da consigliere regionale'

2' di lettura 19/05/2011 -

Marangoni, dopo aver riempito, da marzo, terra e aria della provincia con manifesti, vele, interviste, spot radio-televisivi, sedi, inserzioni a pagamento su tutti i quotidiani locali, lettere, blog, e libagioni...ottiene, con due liste, 2213 voti, laddove la LAM, da sola, e con spese, a occhio, 20 volte inferiori, ne ha presi....2496.!



..E parla di "exploit"... Il tutto dopo aver vantato di avere dietro decine di migliaia di persone, di avere in lista gente davvero rappresentativa del territorio, e aver fatto di tutto per confondere gli elettori con uno spregiudicato e ambiguo uso del termine “Lega” e della sua ex-appartenenza alla movimento! Risultato: nonostante spese faraoniche, nessun eletto, e parecchi suoi candidati che pigliano solo i voti dei parenti stretti.

Doveva far dimezzare i voti alla Lega Nord che, invece, passa dal 3,9 al 4,7 %, conferma il consigliere e, se si vince al ballottaggio, potrebbe prenderne 2. !! Se questo è un exploit....auguri! Come ogni storia, c'è una morale: accertato che Marangoni è in Regione con i voti della Lega Nord, e non suoi, dato che per essere ivi eletti ne occorrono circa 25.000, e lui ha dimostrato di muoverne meno di 3000, ora dovrebbe dimettersi, dato che ha chiesto il voto contro i partiti definiti “poltronari” e “comitati d'affari” .

Uno che parla così, dopo essersi fatto contare, non dovrebbe restare un minuto di più seduto su una poltrona ottenuta, come oramai è chiaro a tutti, solo grazie all'appoggio di un partito e non al suo “appeal” personale . Se non la lascerà vorrà dire che ha preso in giro i maceratesi e i pochi ingenui che hanno creduto alle sue parole.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-05-2011 alle 17:34 sul giornale del 20 maggio 2011 - 470 letture

In questo articolo si parla di politica, lega nord

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/kZR