Morrovalle: nuovo corso dell’Ente Canale, da IPAB a Fondazione

morrovalle 2' di lettura 30/05/2012 - Parecchie novità per l’ente Luigi Canale.

Dal 1° gennaio di quest’anno si è insediato il nuovo Consiglio di Amministrazione, sotto la presidenza di Daniela Mosconi.

“Nella gestione quinquennale avviata da pochi mesi bisognerà riconsiderare sotto diversi profili l’istituto e l’erogazione dei servizi che storicamente gli sono stati affidati – spiegano i nuovi consiglieri –. La configurazione fiscale e contabile è infatti mutata in seguito alla trasformazione voluta dalla normativa regionale per gli enti pubblici IPAB, competenti per l’assistenza e la beneficenza, in soggetti di diritto privato come le fondazioni. Una modificazione che ha assorbito l’attenzione dello stesso sindaco Stefano Montemarani immediatamente dopo l’elezione del maggio 2011.

La legge regionale n.5 del 2008, che stabiliva il riordino degli IPAB nel territorio marchigiano, aveva posto la scadenza del 30 giugno per la consegna di tutta la documentazione utile agli uffici competenti della Regione stessa. Ultimato questo passaggio lo scorso 30 dicembre, con il riconoscimento della personalità giuridica risultante da numero progressivo 325 nell’apposito albo, la fondazione ha cominciato a muoversi come ente di diritto soggetto alle regole del codice civile, equiparata contabilmente a una società di capitali.

L’articolo 2 dello statuto ne caratterizza le attività che, senza scopo di lucro e realizzate in economicità, devono essere ispirate all’istruzione e all’educazione dei giovani di entrambi i sessi, alla loro ricreazione e formazione. Tutto questo senza mai sostituirsi alla famiglia, ma a supporto di essa. Scopo della fondazione è anche la promozione di attività assistenziali e socio-culturali legate alla persona. Si potranno organizzare corsi, conferenze e seminari attinenti alle finalità dell’Ente”.

Sotto il profilo gestionale i nuovi amministratori dovranno fare i conti con la crisi. Alle minori entrate in forma di contribuzioni si pensa tuttavia di poter sopperire con duplice strategia. In fase di avvio si è provveduto a una razionalizzazione dei costi di gestione prossima al 40 per cento. Il CdA, inoltre, sta ricostruendo la storia economica dell’Ente Canale per canalizzare ancor meglio le risorse disponibili.

Ma la più stimolante prova per la gestione in carica viene dal fatto che, per disposizione statutaria, l’ente deve gestire i lasciti di Luigi Canale conte di Vallorengo alla proprietà comunale. Si tratta della scuola per l’infanzia, di diversi terreni e del convento con l’annessa chiesa riqualificata ora in Auditorium. Proprio dalla gestione di questa nuova struttura, il CdA prevede di poter ottenere alcune risorse da destinare agli obiettivi statutari. Compiti non facili, dunque, per la gestione del benemerito ente.

Il nuovo Consiglio di Amministrazione dell’Ente Canale

Presidente: Daniela Mosconi

Consiglieri: Marcello Arcangeli, Raffaele Bernabei, Francesco Manciola, Mirko Tamburrini.

Segretario: Fabio Boncori

Revisore dei Conti: Walter Ercoli






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-05-2012 alle 17:14 sul giornale del 31 maggio 2012 - 431 letture

In questo articolo si parla di attualità, morrovalle, comune di morrovalle

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/zKj





logoEV