Montelupone: in corso i lavori per la nuova scuola di San Firmano

Nuova scuola di San Firmano 3' di lettura 30/07/2012 - La nuova scuola di San Firmano inizia a diventare realtà.

Sono infatti iniziati da qualche mese i lavori per la realizzazione del polo didattico nella frazione monteluponese, che si contraddistingue per una grandissima attenzione al risparmio energetico e al rispetto dell’ambiente. Si tratta infatti di un edificio sperimentale, che non solo sarà energeticamente autonomo, ma sarà anche in grado di produrre energia da immettere nella rete elettrica.

La presentazione del progetto si è svolta presso il Teatro Nicola Degli Angeli: erano presenti il sindaco di Montelupone Giuseppe Ripani, il Presidente di Legambiente Marche Luigino Quarchioni, la prof.ssa Federica Ottone, dell’Università di Camerino, l’ing. Simone Tascini, dello spin-off Pensy di UniCam, e l’arch. Angela Leuzzi, tra i responsabili di Pensy, che ha illustrato in maniera dettagliata ed esaustiva le caratteristiche della nuova scuola.

Interamente finanziato da fondi europei, il progetto dell’edificio si è subito contraddistinto per l’eccellente qualità progettuale, tanto da classificarsi al primo posto tra oltre cento proposte presentate e risultando vincitore di ben due bandi (uno riguardante l’efficienza energetica, l’altro sulla produzione di energia elettrica da fonte solare) che hanno permesso la sua realizzazione praticamente a costo zero per il Comune.

L’elaborazione è nata all’interno di Pensy, lo spin-off dell’Università di Camerino sorto per sperimentare ed applicare soluzioni tecnologiche energetiche innovative e che si occupa di consulenza, progettazione e realizzazione di strutture pubbliche ecosostenibili che riescano a massimizzare il risparmio energetico. Il progetto si compone di due lotti: il primo riguarda la realizzazione della scuola dell’infanzia, mentre il secondo include l’allestimento di un parco pubblico prospiciente l’edificio, che attraverso una serie di pensiline sfrutterà, massimizzando l’esposizione solare, l’energia del fotovoltaico e funzionerà anche come parco didattico.

La superficie di intervento consta di 1840 mq per la scuola, che ha già ottenuto la certificazione “Itaca” per la mediazione tra clima interno ed esterno, e 4760 mq per il parco, dove sono previsti spazi protetti per i bambini. La struttura edilizia si attiene ai criteri di bioclimatica, con un rivestimento esterno in lamelle di larice che permette di ridurre al minimo la dispersione di calore, e possiede un sistema di controllo automatizzato che permetterà l’attivazione degli impianti al momento opportuno e soltanto se necessario.

Il riscaldamento funzionerà attraverso un sistema radiante a pavimento che trae energia da una fonte di calore geotermico. In totale, tra la scuola e il parco, saranno posizionati ben 110 pannelli fotovoltaici non impattanti, utilizzando le più avanzate tecnologie energetiche, dei materiali e degli elementi costruttivi.

La conclusione dei lavori è prevista per marzo 2013: si cercherà di accelerare i tempi, vista l’inagibilità della vecchia sede della scuola di San Firmano (di cui comunque sono partiti i lavori di ripristino del tetto), in modo da limitare i disagi dei genitori costretti attualmente ad una sede provvisoria nel centro storico di Montelupone.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-07-2012 alle 16:21 sul giornale del 31 luglio 2012 - 521 letture

In questo articolo si parla di attualità, Comune di Montelupone, montelupone, scuola di san firmano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Cf4





logoEV
logoEV