contatore accessi free

Al buio possiamo scoprire noi stessi, cena al buio dell'UICI

Cena al buio 3' di lettura 20/11/2012 - “Ho una fame che non ci vedo”. Un detto che diventa realtà grazie alla simpatica iniziativa dell'UICI di Macerata (Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti) e dell'associazione “Cavallo a Dondolo”, che hanno organizzato per il prossimo GIOVEDÌ 6 DICEMBRE 2012 una “Cena al buio” aperto a tutti coloro che vogliono scoprire un modo molto originale per “ampliare i propri sensi”.

I commensali verranno accolti in una sala completamente oscurata e fatti accomodare ai propri tavoli nel buio più assoluto. Non ci sarà nessuna fonte di luce nemmeno durante la cena, per cui ognuno, privato di fatto della vista, dovrà fare affidamento sugli altri quattro sensi per trovare posate e bicchieri, infilzare il cibo e portarlo alla bocca. Serviranno ai tavoli dei camerieri ipo- e non-vedenti. “Il senso dell'iniziativa – spiega Jenny Lancellotti terapista del “Cavallo a Dondolo” – non è quello di mettere a nudo dei limiti, ma solo di mostrare una realtà, quella della cecità”.

Liberi dai condizionamenti visivi si è in grado di percepire l'ambiente circostante tramite altri mezzi, e di conoscere sé stessi in modo del tutto particolare e unico. “In chi sceglie di sottoporsi a questo 'gioco' – assicura ancora Lancellotti – emergono sempre delle forti emozioni, legate alla situazione ma anche al proprio vissuto, e chi vorrà potrà anche raccontarle e condividerle con gli altri al termine della serata”.

La cena avrà inizio alle ore 20:00 e avrà un costo di 30,00 euro che verrà in gran parte devoluto in beneficenza all'UICI. Per prenotazioni e iscrizioni: UICI – tel. 0733.230669 (il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 10 alle 12) o “Cavallo a Dondolo” – tel. 333.8919664; www.cavalloadondolo.org.
La cena si terrà presso l'Agriturismo Moretti di Macerata (Contrada Fonte San Giuliano, 29).

Cos'è l'UICI?
UICI sta per Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, una Onlus che ha per scopo l'integrazione dei non vedenti nella società, perseguendo l'unità della categoria. L'UICI si impegna nella rappresentanza e nella tutela degli interessi morali e materiali dei non vedenti nei confronti delle pubbliche amministrazioni. Promuove corsi per non vedenti e ipovedenti (dall'informatica alla cucina) e offre importanti occasioni di formazione civile accogliendo ragazzi e ragazze in servizio volontario.

Cos'è il Cavallo a Dondolo?
Il Centro Riabilitazione Equestre “Cavallo a Dondolo” Onlus si occupa della riabilitazione di adulti e bambini affetti da handicap o ritardi psico-motori con l'aiuto dei cavalli. Creata nel 2002 è anche Scuola Pony e Centro Equitazione da Campagna iscritta all'Engea (Ente Nazionale Guide Equestri Ambientali). Vi prestano il proprio servizio in maniera volontaria fisioterapisti, neuropsichiatri infantili, fisiatri, psicomotricisti, istruttori e accompagnatori Engea. Svolge sia attività di stampo sportivo (corsi equestri), sia attività di riabilitazione dove adulti e bambini vengono messi a contatto con il cavallo e stringono con l'animale un rapporto unico e particolare.


da Mirko Montecchiani
Presidente dell'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti
sezione di Macerata





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-11-2012 alle 10:32 sul giornale del 21 novembre 2012 - 644 letture

In questo articolo si parla di macerata, spettacoli, Unione Italiana Ciechi, cena al buio, ipovedenti, uic, cechi, Mirko Montecchiani, Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/GeZ





logoEV
logoEV