Sostenibile, efficiente, competitiva: l'agricoltura in vetrina alla Raci

Raci 2' di lettura 08/05/2013 - Più efficiente, più equa, più verde. Dovrà essere competitiva non solo dal punto di vista economico ma anche sotto il profilo della sostenibilità ambientale la nuova Politica Agraria Comune che guiderà l’agricoltura europea dal 2014 al 2020.

È la novità attorno a cui si concentra l’interesse degli operatori: un tema che non poteva sfuggire all’edizione 2013 della Raci, diventata negli anni un punto privilegiato di osservazione dell’agricoltura, capace di valorizzare “Gusti e sapori della Terra delle Armonie” come punti di forza per la promozione e lo sviluppo sostenibile del territorio. Le presenze di Damiano Li Vecchi, dirigente del Ministero delle Politiche Agricole, e di Giancarlo Nanni, direttore generale dell’Agea, sabato 11 maggio alle 12, all’incontro sulle Linee guida della nuova Pac, lo confermano e qualificano ancora di più questa “vetrina di eccellenze” creata dalla Provincia.

Sulla scia dell’anno scorso, la Rassegna Agricola del Centro Italia punterà i riflettori sull’agricoltura e sull’agroalimentare di qualità, con un padiglione appositamente dedicato allestito con la collaborazione di Coldiretti, Cia, Copagri, Confagricoltura, Confartigianato, Cna, le Università di Ancona e Camerino e la Regione Marche. Qui i consumatori potranno conoscere da vicino i prodotti della terra, confrontarsi direttamente con i produttori, partecipare ai diversi laboratori enogastronomici: la cucina emozionale di “Food & Land” proposta dall’Alberghiero di Cingoli e dall’Agraria di Macerata; l’artigianato agroalimentare del pane, del formaggio pecorino, della pista del maiale ad opera di Confartigianato; le ricette delle vergare.

E ancora: il Salone del vino a cura dell’Istituto marchigiano di Tutela vini e dell’Ais; l’anteprima della Rassegna nazionale degli oli monovarietali dell’Assam; la birra agricola di Copagri; la pasta di frumento duro maceratese presentata da Coldiretti; il tartufo della Comunità Montana di Camerino, i legumi di Appignano, lo zafferano di Cessapalombo, il miele degli Apicoltori Macerata; il mercato biologico, le officine di tintura della lana e il bio-ristoro firmati Cisei; l’area Caffè di Nuova Simonelli, Romcaffè e Varnelli.

Senza dimenticare le attività formative per i più giovani, d’intesa con le scuole e le associazioni, sul significato di una sana alimentazione - dalle fattorie didattiche, alla bio-arena, al gioco “Scendo in campo” -, per finire con l’ecoturismo promosso dall’associazione “La Carovana” e dalla Scuola Italiana di Nordic Walking, entrambe parte attiva del progetto europeo “Green Mountain”, per la valorizzazione delle aree montane, di cui la Provincia è Ente capofila. Di questo si parlerà all’Info Day Green Mountain, sabato 11 maggio alle 10.30: “La valorizzazione dei gusti e sapori della Terra delle armonie” è il titolo dell’iniziativa, realizzata insieme al Parco Nazionale dei Monti Sibillini.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-05-2013 alle 16:57 sul giornale del 09 maggio 2013 - 400 letture

In questo articolo si parla di attualità, macerata, provincia di macerata, raci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/MGA





logoEV