contatore accessi free

“Il muro - storie rock di gente da galera'', lunedì nel cortile della Facoltà di Filosofia

2' di lettura 04/08/2013 - Rush finale per il Macerata Opera Festival, con l’ultima settimana di programmazione che riserva ancora grandi sorprese. La prima, molto attesa, di Sogni di una notte di mezza estate e lo spettacolo Il Muro - Storie rock di gente da galera, con la regia di Marco Bragaglia e Francesca Marchetti, interpretato dai prigionieri del carcere Barcaglione con musiche dei Pink Floyd suonate dai South Down London.

Due le date da segnare in calendario per questo evento speciale del Festival Off: lunedì 5 agosto alle ore 21.30 nel cortile della Facoltà di Filosofia a Macerata e il giorno successivo, stessa ora, nella magnifica cornice dei giardini della Tenuta Colli Serrapetrona. Il Muro è un progetto artistico per detenuti attori che narra le vicende carcerarie di alcuni rocker finiti dietro le sbarre (come ad esempio Johnny Cash, Bon Scott, Chet Baker, Johnson Righeira, Greg Lake per citarne alcuni) messe in scena da chi il carcere lo vive quotidianamente.

I protagonisti, vestendo i panni delle rockstar, raccontano le loro vite e il loro disagio ai margini della società. Il copione è stato scritto da Marco Bragaglia che ha anche realizzato video e videopainting. Alessandro Bolli e Antonio Lucarini sono i consulenti per testo e musiche. A fare da colonna sonora, i brani di The Wall dei Pink Floyd, che sulla poetica del muro hanno costruito uno dei loro maggiori capolavori.

Quattro gli attori in scena: Julian, Raffaele, David e Gianfranco; due italiani e due stranieri. Le storie delle rockstar raccontante sono molte: da Elvis Presley ai Sex Pistols, da Janis Joplin a Billie Holiday, passando per Amy Winehouse. L’unica rockstar italiana di cui vengono raccontate le gesta è Vasco Rossi da un punto di vista veramente speciale: Gianfranco, uno degli attori/detenuti, nel 1984 era nel carcere di Rocca Costanza a Pesaro ed ha diviso con un giovanissimo Vasco Rossi la cella; il suo sarà un racconto-verità di questo incontro, fatto in prima persona. Lo spettacolo, organizzato dal Macerata Opera Festival, nasce dal lavoro dell’Associazione ART’O che da diversi anni opera all’interno del penitenziario Barcaglione, realizzando laboratori teatrali e culturali.

L’ingresso è aperto a tutti e gratuito. Il Muro è in replica anche martedì 6, sempre alle 21.30, nella Tenuta Colli di Serrapetrona.


   

da Macerata Opera Festival





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-08-2013 alle 18:27 sul giornale del 05 agosto 2013 - 1134 letture

In questo articolo si parla di attualità, macerata

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/Qi9





logoEV
logoEV