contatore accessi free

Raggiunto l’accordo per l’acquisto di Smea da parte del Cosmari

Rifiuti raccolta differenziata 3' di lettura 29/10/2013 - Riunione molto importante dell’Assemblea dei Comuni soci del Cosmari, lunedì 28 ottobre.

Infatti i Sindaci sono stati invitati dal Presidente Daniele Sparvoli e dal CdA, in apertura di seduta, a discutere e votare una proposta per l’avvio del processo di trasformazione societaria del Cosmari e il relativo Regolamento sulle modalità di esercizio del “Controllo analogo” sulla società in house providing da parte dell’ATA provinciale.

Nello specifico i Sindaci hanno dato mandato al Consiglio d’Amministrazione del Cosmari , nella persona del suo Presidente, affinchè ponga in essere i più ampi poteri sugli atti necessari e indispensabili diretti all’iter di trasformazione del Consorzio nella forma di società di capitali – nello specifico società a responsabilità limitata e con modalità compatibili per il legittimo affidamento in house providing, dando seguito, ove necessario, a tutti gli adempimenti propedeutici e conseguenti alle operazioni stesse, stabilendo fin d’ora che la ripartizione delle quote dovrà avvenire sulla base dei capitali già conferiti dai comuni soci al Consorzio volontario prima e al Consorzio obbligatorio successivamente.

All’interno di questa delibera il Presidente Sparvoli a sorpresa ha proposto l’adozione di un emendamento contenente l’avvenuto accordo preliminare tra Cosmari e il Comune di Macerata per l’acquisizione della Smea. Il documento stabilisce che Cosmari si impegna ad acquistare entro fine anno 2013 il ramo di azienda Smea costituito da 82 dipendenti e da tutti i beni strumentali posseduti dall’azienda. Il prezzo stabilito è di 1 milione e 200 mila euro. Restano a carico del Cosmari l’accollo del TFR lavoratori (321 mila euro) e i leasing in essere della Smea (circa 510 mila euro).

Il Cosmari si obbliga a riconoscere al Comune di Macerata lo start-up all’atto dell’avvio del nuovo contratto di servizio, in misura analoga a quella adottata per gli altri comuni facenti parte del consorzio Cosmari. Per quanto concerne le figure apicali il Cosmari ha ottenuto dalle stesse la volontaria rinuncia totale dei cosiddetti aumenti retributivi ad personam e si è impegnato a valorizzare le professionalità e le competenze acquisite da ciascuno dei cinque dipendenti fino a inquadrarle in un meccanismo retributivo flessibile legato alle funzioni che si renderanno necessarie per ciascuno di loro.

Diversi gli interventi che si sono succeduti da parte dei Sindaci i quali hanno espresso la loro soddisfazione e che hanno avuto anche espressioni di plauso per quanto concretizzato nei confronti del Presidente Sparvoli e del Consiglio d’Amministrazione. Tutti, inoltre, hanno auspicato, come del resto già fatto, in altre sedute, un affidamento rapido al Cosmari in house providing con la necessaria approvazione da parte dei Consigli comunali maceratesi in tempi brevi. L’emendamento relativo all’accordo per l’acquisto da parte di Cosmari del ramo di azienda Smea è stato approvato all’unanimità.

Quindi, sempre all’unanimità, è stata approvata anche la delibera relativa ai provvedimenti per l’avvio del processo di trasformazione societaria del Cosmari e l’allegato Regolamento sulle modalità di esercizio del “controllo analogo” sulla società in house providing (stante la problematica dell’incompatibilità di partecipare alla votazione da parte del Comune di Macerata, il Sindaco Romano Carancini ha comunque espressola propria volontà per chiudere in maniera favorevole la questione esprimendosi a favore dell’emendamento e della delibera). All’Assemblea hanno partecipato anche i rappresentanti sindacali i quali CGIL e CISL come hanno stigmatizzato Carancini e Sparvoli hanno avuto un ruolo rilevante nel raggiungimento dell’accordo.

Successivamente l’Assemblea ha approvato la modifica di bilancio preventivo 2013 resosi necessario a causa dei mancanti proventi di chiudere definitivamente l’inceneritore. I maggiori costi per 1 milione e 200 mila euro saranno ripartiti tra i comuni in ragione delle quote di rappresentanza. Infine è stato approvato sempre all’unanimità anche il Conto consuntivo esercizio 2012.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-10-2013 alle 15:33 sul giornale del 30 ottobre 2013 - 708 letture

In questo articolo si parla di attualità, cosmari, consorzio smaltimento rifiuti macerata

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/TLk





logoEV
logoEV