Assesstamento di bilancio, la Provincia supera l'esame

provincia di macerata 3' di lettura 29/11/2013 - È un assestamento di bilancio inevitabilmente condizionato dalle inflessibili regole del Patto di stabilità, ma che ancora consente alcune operazioni positive sia per le finanze della Provincia sia per lo sviluppo del territorio.

Su tutte l'estinzione anticipata di un mutuo, senza penali, con un milione e 136 mila euro di fondi non vincolati, che migliorerà la parte ordinaria del bilancio, e la destinazione di un milione e 451 mila euro per la realizzazione della bretella “Mattei-La Pieve”, entrambe finanziate con l'avanzo di amministrazione 2012.

Si conferma virtuosa, in pareggio e capace di “stare al Patto” la Provincia di Macerata, tanto da ottenere l'ampia fiducia del Consiglio provinciale che, ieri sera, ha dato il suo benestare - 15 sì e 4 astenuti - al documento contabile.

La disciplinata attenzione al rispetto del Patto è riaffermata da Giorgio Palombini, assessore al Bilancio, e dallo stesso presidente Antonio Pettinari che, però, non risparmia la sua critica pungente, sfruttando il paragone di una famiglia che non ha i soldi per mangiare, pur avendo in banca migliaia di euro... che non può prelevare.

È proprio questa la condizione assurda che vivono gli Enti locali.
La Provincia? Ben 55 milioni di euro disponibili in cassa, e addirittura 75 milioni di residui passivi che potrebbero essere investiti fin da subito in opere pubbliche se solo il Patto di stabilità lo consentisse. Sull'altro fronte della spesa ordinaria, ci sono i pesantissimi tagli decisi dallo Stato: su un bilancio complessivo di 65 milioni di euro, la sforbiciata, rispetto al 2010, è di circa 23 milioni di euro e questo impedisce ogni attività, comprese le manutenzioni obbligatorie delle strade, delle scuole e dei fiumi.

I numeri la dicono tutta, ma la Provincia non resta a guardare e percorre ogni strada a difesa del territorio. Sono recentissimi il summit della Giunta col ministro D'Alia a Macerata e l'appello al presidente del Consiglio Letta, formalizzato in un documento, per l'allentamento dei vincoli del Patto di stabilità, così da permettere all'Ente l'utilizzo di risorse proprie almeno per riparare ai danni del maltempo.
La Giunta, da parte sua, ha subito approvato una variazione di bilancio con un milione e 700 mila euro per gli interventi più urgenti, ma lo Stato, che ancora deve pagare i danni dell'emergenza neve del 2011, permetta alla Provincia di utilizzarli!

Restando in tema di maltempo, una buona notizia arriva, invece, dal ministero dell’Economia e delle Finanze che ha svincolato dal Patto 233 mila euro a seguito della prontissima richiesta della Provincia di Macerata, nel giorno stesso della scadenza di un apposito decreto: l'unica nelle Marche e la quinta in Italia ad ottenere qualcosa. Certamente briciole di fronte ai 31 milioni e mezzo di euro di danni documentati alla Regione per il riconoscimento dello stato di emergenza.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-11-2013 alle 19:26 sul giornale del 30 novembre 2013 - 819 letture

In questo articolo si parla di politica, macerata, provincia di macerata

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/VhZ





logoEV