contatore accessi free

A Palazzo Buonaccorsi la mostra di Sirio Reali 'Macchine, Finestre, Balconi, Case'

3' di lettura 10/01/2014 - Sabato (11 gennaio), alle ore 18, aPalazzo Buonaccorsi taglio del nastro per la mostra di Sirio Reali intitolata Macchine, Finestre, Balconi, Case, promossa dal Comune di Macerata e da Macerata Musei con il contributo di Regione Marche, Provincia di Macerata e APM e il patrocinio dell’Ordine degli Architetti della provincia di Macerata.

Alla cerimonia di inaugurazione parteciperanno l’assessore regionale alla Cultura, Pietro Marcolini, il sindaco Romano Carancini, l’assessore comunale alla Cultura Stefania Monteverde e altre autorità politiche e civili.

“Dopo la splendida mostra dell' estate 2013 dedicata a Nino Ricci - afferma l’assessore alla Cultura, Stefania Monteverde - apriamo un'altra bellissima mostra per raccontare il lavoro di una vita di un importante artista: Silvio Reali. É un'altra tappa significativa del progetto culturale sulle mostre d'arte che l’Amministrazione comunale ha costruito in questi anni: nel 2011 con la mostra dedicata alla collezione Bonfigli abbiamo raccontato il primo patrimonio donato alla città nel 1860, origine della nostra pinacoteca; nel 2012 con la mostra Violetta, Mimì e Carmen. Percorsi al femminile dallo Sferisterio ai Musei civici di Macerata abbiamo voluto raccontare la stagione 2012 dello Sferisterio con le opere d'arte dei nostri musei; nel 2013 con Nino Ricci.

Le metamorfosi della geometria abbiamo voluto rendere omaggio alla storia di uno dei più importanti artisti dei nostri tempi, nostro amato concittadino. E oggi, appena iniziato il 2014, con la mostra dedicata a Sirio Reali continuiamo a raccontare la storia d'arte che il nostro territorio esprime, un patrimonio d'opere e di artisti che è la nostra ricchezza, mai abbastanza conosciuto e da valorizzare per essere amato. Tutto questo ci accompagna allo straordinario evento che ci aspettail 21 marzo: l'inaugurazione della nostra Pinacoteca al piano nobile del Palazzo Buonaccorsi. Per la città – concludela Monteverde - una tappa storica che ha un grande valore civile perché fonda un nuovo bene culturale che è il nostro dono alle nuove generazioni e al mondo che verrà. Infine vorrei fare un ringraziamento ai curatori dell’esposizione, Anna Li Vigni e Antonello Di Geronimo che hanno dato uno stile elegante e della bella forma alla mostra”.

La mostra presenta una significativa selezione della vasta produzione del prolifico pittore marchigiano, di origini maceratesi, attivo sulla scena artistica ormai da un cinquantennio e si focalizza in particolare su quattro serie della sua ultima produzione pittorica, ben 113 opere in vari formati e tecniche diverse, realizzate tra il 2001 e il 2013: 31 Macchine, 7 Finestre, 23 Balconi, 52 Case.

Reali, che attualmente vive e lavora a Recanati, si è formato all’Istituto Statale d’Arte di Macerata per poi proseguire gli studi all’Accademia di Belle Arti di Roma dove si è diplomato nella sezione Scenografia. Nel2011 hapartecipato alla Biennale di Venezia nel padiglione Italia – Marche.

In occasione del taglio del nastro, sarà presente anche Anna Li Vigni, co-curatrice, insieme ad Antonello De Geronimo, della mostra e del catalogo edito da Liberilibri..

Anna Li Vigni vive e lavora a Palermo. Studiosa di Estetica, da dieci anni collabora col supplemento culturale “Domenica” de «IlSole24ore» mentre innumerevoli sono le sue pubblicazioni. Da alcuni anni Anna Li Vigni si interessa di arte e neuroscienze e studia il fenomeno dell’embodiment nella percezione delle opere d’arte.

Nel corso dell’esposizione, che chiuderà i battenti il 9 febbraio, previsti alcuni eventi speciali che saranno animati dall’associazione culturale Verticale d’Arte di Macerata, costituita dalle curatrici Elisa Mori, Giorgia Berardinelli e Silvia Bartolini”.

La mostra sarà visitabile dal martedì alla domenica dalle ore 10 alle ore 18. Info: www.maceratamusei.it – tel. 0733.256361.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-01-2014 alle 17:38 sul giornale del 11 gennaio 2014 - 1696 letture

In questo articolo si parla di attualità, macerata, comune di macerata

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/WVJ