contatore accessi free

Il sindaco Romano Carancini a Cracovia a 70 anni dalla Liberazione

1' di lettura 24/10/2014 - Nell'anniversario per i 70 anni dagli eventi che nel luglio del 1944 si svolsero nella nostra regione con la liberazione dalle truppe naziste da parte dei "Lancieri di Carpazia", inquadrati nel 7° corpo di armata polacco del generale Andersen, la delegazione dei sindaci di Anci Marche ha visitato anche Auschwitz e incontrato la municipalità di Cracovia.

“Un’esperienza molto costruttiva – afferma il sindaco Carancini – ma per quanto riguarda la visita ai campi di Auschwitz - Birkenau devastante e difficile da descrivere per quello che riesce a provocare nella coscienza. I capelli tagliati alle donne prima di essere assassinate per essere rivenduti, gli occhiali degli uomini e le piccole scarpe dei bambini fucilati o gasati, le valigie di cartone dei deportati, le baracche, la camera a gas, sono minuscoli tasselli fotografici del più noto luogo di martirio e di sterminio del mondo, simbolo dell'olocausto, del genocidio e del terrore, della violazione dei più elementari diritti umani.

L'esempio di tutto ciò a cui possono portare il razzismo, la xenofobia, lo sciovinismo e l'intolleranza. Ricordare il dramma di Auschwitz, oggi, significa rinnovare l’impegno di tutti noi per lottare, per continuare a sperare e costruire, giorno dopo giorno, una società più giusta, dove non esistano differenze e dove regnino la pace e l’amicizia. E’ fondamentale per noi, per la nostra storia, ma deve essere fondamentale soprattutto per i giovani”.

La delegazione ha visitato anche Wadowice, città natale del Santo Giovanni Paolo II, e la mostra "Papa Giovanni Paolo II, dalla sua nascita alla morte" .






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-10-2014 alle 17:45 sul giornale del 25 ottobre 2014 - 637 letture

In questo articolo si parla di attualità, macerata, comune di macerata

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/aayA





logoEV
logoEV