Città in lutto per la morte dell’ex sindaco Gian Mario Maulo, il cordoglio di Romano Carancini

2' di lettura 01/11/2014 - “Un sindaco che ha saputo rompere un modo di interpretare la politica, introducendo un nuovo modello frutto di un percorso innovativo con la base elettorale e i cittadini che diventano protagonisti, fondato sulla condivisione e la partecipazione. E’ stato, infatti, artefice della rottura di uno schema fino a qual momento in uso che prevedeva candidature calate dall’alto senza un vero confronto con la città.

Dal 2005 al 2010 è stato anche un presidente del Consiglio comunale puntuale, serio e integerrimo, molto istituzionale, ma ha saputo aprirsi al dialogo e instaurare un rapporto corretto e aperto tra Consiglio comunale e giunta. Era molto netto nelle sue posizioni che difendeva fino in fondo con passione ma nello stesso tempo interpretava anche il ruolo intendendolo come servizio. Esprimo il senso del più vivo cordoglio a nome mio personale, della Giunta, dell’intera Amministrazione comunale e di tutta la città per la morte di un uomo sensibile che ha saputo servire fino in fondo le istituzioni”.

Sono le prime parole a caldo del sindaco Romano Carancini appresa la notizia della morte dell’ex sindaco e poi presidente del Consiglio comunale e consigliere Gian Mario Maulo.

Maulo fu eletto primo cittadino di Macerata nel ballottaggio del 5 dicembre 1993 con 14.758 voti contro i 10.460 dell’altro candidato Evio Hermas Ercoli. Con Maulo per la prima volta dopo 47 anni il centrosinistra ha governato in Comune. Per la sfida decisiva l'affluenza alle urne fu del 74,43 per cento. Già nel primo turno, il 21 novembre del 1993, ad aggiudicarsi la vittoria era stato ancora, con 8.462 voti, Gian Mario Maulo, il cattolico che guidò la coalizione composta da Pds, Città dell'uomo, Rifondazione comunista e Rete.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-11-2014 alle 21:12 sul giornale del 03 novembre 2014 - 491 letture

In questo articolo si parla di cronaca, macerata, comune di macerata

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aaTm

Leggi gli altri articoli della rubrica fatti tragici





logoEV