Cosmari: approvati il nuovo Statuto per la trasformazione societaria ed il Bilancio 2014

Cosmari 3' di lettura 02/11/2014 - L’Assemblea dei Comuni soci del Cosmari si è riunita venerdì 31 ottobre per approvare gli atti di trasformazione societaria, il bilancio di previsione 2014 e la proposta tariffaria per l’anno 2015.

Il Presidente Sparvoli ha inizialmente illustrato l’operazione di ristrutturazione societaria che prevede la trasformazione da consorzio a srl e quella organizzativa che prevede l’incorporazione della controllata Sintegra spa in una unica società a carattere multidivisionale, entrambe le operazioni andranno a snellire definitivamente la gestione del Cosmari e ad ottimizzare le attività in una nuova forma societaria consona al ruolo industriale svolto.

Per arrivare a ciò i comuni soci hanno approvato il nuovo statuto proposto dal cda che si caratterizza per la riconferma del proposito di garantire una gestione unitaria da parte dei comuni soci, per l’armonizzazione dei poteri, delle competenze e delle funzioni in capo agli organi societari e cioè l’Assemblea, Il Consiglio di Amministrazione, il Presidente, il Direttore Generale ed il Collegio Sindacale e per una rinnovata e più puntuale trasparenza nei confronti dei cittadini.

Il nuovo Statuto è stato votato all’unanimità e di fatto ha preso il via l’iter per la trasformazione societaria che si concluderà a fine anno. “L’attuale forma giuridica di Consorzio era ormai obsoleta ed andava rivista” a concluso il Presidente Sparvoli Di seguito sono stati illustrati i tratti fondamentali del bilancio 2014, “un anno irripetibile per entità e gravosità degli impegni assunti, molti dei quali irrinunciabili”. Ciò nonostante il bilancio si chiude in sostanziale pareggio di esercizio in un contesto tariffario caratterizzato ad inizio anno dal lievissimo aumento praticato ai Comuni soci, aumento che nella sua globalità non ha oltrepassato la soglia dell’1%.

Il bilancio vede un valore della produzione di circa 40.000.000 di euro e si articola in numerose attività quali, la liquidazione dell’importo destinato all’acquisizione Smea, l’avvio della discarica di Fosso Mabiglia, dell’impianto di pressatura e filmatura delle cosiddette “ecoballe” che ha permesso di minimizzare l’impatto ambientale per il trasferimento e l’abbancamento dei rifiuti destinati alla nuova discarica, la realizzazione dell’impianto fotovoltaico sui capannoni e sulle pensiline, l’attivazione dei primi due “centri del riuso” o “riciclerie’ nei comuni di Tolentino e Camporotondo di Fiastrone, l’avvio del porta a porta nel Comune di Macerata e la progressiva implementazione del sistema di raccolta a microchip in vari comuni.

“Upgrading tecnologici necessari a consentire un servizio adeguato ai cittadini ed un contenimento dei costi dell’intero ciclo integrato dei rifiuti in un quadro generale che vede arrivare la differenziata provinciale al 74% con un risparmio di circa il 30% pro-capite rispetto alla media tariffaria nazionale” ha concluso il Presidente Sparvoli. La votazione, dopo un’articolata discussione che ha visto l’intervento di diversi sindaci e la proposta di alcuni emendamenti ha consentito l’approvazione del bilancio 2014 ad ampia maggioranza e con il voto contrario dei soli comuni di Civitanova Marche, Matelica e Cingoli.

A tarda sera si trattava quindi di avviare la discussione assembleare circa il piano tariffario per l’anno 2015 partendo da una ormai nota proposta da parte del Consiglio di Amministrazione di riduzione del 3% dei costi di smaltimento per i rifiuti indifferenziati ed organici, segnando quindi una storica inversione di tendenza in parte dovuta ai benefici dell’apertura della nuova discarica di Cingoli. “Un segnale importante che, nella perdurante crisi economica, vuole dimostrare come Cosmari intenda essere al fianco dei cittadini con servizi di qualità ed a costi contenuti” ha spiegato il Presidente.

Ma l’ora era tarda ed è emersa la volontà generale, concretizzatasi poi in una proposta formale, di rinviare la discussione ad un imminente incontro tra Sindaci e Cda finalizzato ad una maggior approfondimento della questione e nell’intento di massimizzare il contenimento delle tariffe 2015.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-11-2014 alle 15:11 sul giornale del 03 novembre 2014 - 552 letture

In questo articolo si parla di attualità, rifiuti, cosmari, consorzio smaltimento rifiuti macerata

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aaUe