contatore accessi free

Montelupone: il bilancio dei primi sei mesi dell'amministrazione Pecora

palazzo comunale Montelupone 2' di lettura 21/12/2014 - Il sindaco Rolando Pecora, a sei mesi dal proprio insediamento, ha inviato una lettera a tutte le famiglie per tracciare un consuntivo dell’operato della propria Amministrazione.

Sostanzialmente è un dettagliato “J’Accuse” relativo al passato, con la descrizione dei tanti interventi in corso, e da fare, per porre riparo a pregressi guasti e inefficienze. Il sindaco esordisce assicurando una puntuale comunicazione con i cittadini, per promuovere partecipazione e consapevolezza. Passa poi ai tanti problemi scoperti sul tavolo amministrativo, problemi che vanno risolti “per evitare che ‘l’edificio’ crolli”. Il sindaco denuncia di aver trovato gli uffici senza dirigenti, quindi assenza di responsabili dalle piccole alle grandi situazioni: chi chiude porte e finestre? Chi risponde di una fognatura in contropendenza?

E il sistema informatico del Comune? “In condizioni disastrose”, impossibilità di comunicare tra un ufficio e l’altro, “abbiamo dovuto rifare tutto spendendo già 40.000 dei vostri euro”. A proposito della ‘tecnologica’ scuola materna di S. Firmano: piove all’interno, le tende non funzionano, il foltovoltaico è partito solo da poco, le fogne sono ostruite. E i vitali drenaggi antifrana? Galleria nord, pendenze errate, la pompa si attiva quasi ogni trenta minuti, ”altre migliaia di vostri euro”; galleria sud, ” i dreni non sono collegati al tubo di raccolta, altri euro vostri”. Tema fogne: tubi staccati tra loro, liquami ‘storici’ accumulati, “vi farò sapere, ma sempre euro vostri”.

Poi, ‘la storia del pozzo’ nella zona industriale: contratto Enel, ma “si sono fregati sia la centralina che la pompa” chissà da quanto tempo . . . Depuratore Beccerica: “Non ha mai funzionato e i cittadini hanno sempre pagato l’Enel” per niente. Ancora, la sicurezza pubblica e la videosorveglianza: “Microcriminalità in aumento, bullismo e atti vandalici più numerosi, problema alcool e droghe che interessa particolarmente la nostra Comunità” e, in tale quadro, la passata amministrazione adottò un sistema di videosorveglianza. Ma, nonostante la spesa, tale sistema “non ha permesso di riconoscere una sola targa dei mezzi impiegati per i furti. Si è forse acquistato senza capire quello che si faceva?” Il sindaco dottor Rolando Pecora si chiede infine: Perché tanti errori evitabili? E nell’affermare che lui non si ricandiderà, chiede agli elettori “la prossima volta non scegliete supereroi, ma gente normale che lavori per la Comunità come lavorerebbe per casa sua”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-12-2014 alle 16:50 sul giornale del 22 dicembre 2014 - 938 letture

In questo articolo si parla di politica, Comune di Montelupone, montelupone, rolando pecora

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/adfj





logoEV
logoEV