contatore accessi free

Al via il Progetto “Condomini solidali”

anziani 2' di lettura 11/05/2015 - L’associazione “L’albero dei cuori” di Macerata si è aggiudicata il primo posto per la provincia con il Progetto “Condomini solidali”, nell’abito dei finanziamenti messi a disposizione dalla Regione Marche in favore della Longevità attiva.

Il progetto muove dalla convinzione che l’anziano, oltre ad essere destinatario di aiuto, può essere al tempo stesso risorsa per il suo territorio.

La constatazione che esistano condomini dove gli anziani si trovano a vivere da soli, senza avere opportunità di intessere o mantenere vive le relazioni sociali, è la spinta alla creazione di un circuito di buone pratiche che possano incidere positivamente sulla qualità della vita di chi ha bisogno di aiuto e di chi dall’altra parte può ancora essere punto di riferimento. Il bisogno relazionale e di cura dell’anziano, anche in condizioni di salute, si manifesta con la richiesta di compagnia, con la sensazione di non esser più utile perché fuori dal circuito lavorativo, la difficoltà di organizzarsi per la gestione delle spese quotidiane o del ritiro farmaci, la mancata informazione circa le iniziative sul territorio. La solitudine e la sensazione di abbandono possono essere arginate con piccoli ma significativi interventi, che permettono di ritessere la rete o evitare che si spezzi con l’avanzare dell’età.

Obiettivi del progetto, quindi, sono favorire i rapporti di vicinato, promuovere il ruolo attivo dell’anziano sul territorio e favorire momenti formativi specifici sia per i volontari che per i destinatari dell’intervento.
Per questo motivo l’associazione “L’albero dei cuori”, già attiva da tempo in favore della terza età, intende coinvolgere gli amministratori di condomini come prime sentinelle delle situazioni a rischio e tutte le realtà e di singoli, del comune di Macerata, che a vario titolo possono essere “antenne solidali” e recettori di bisogni.

Troppe storie di decessi avvenute in solitudine devono spingere il territorio a fare uno sforzo per produrre buone partiche di interazione; in ogni quartiere possiamo individuare qualcuno che necessita di attenzione e qualcuno in grado di essere un sostegno. Nell’incontro di due esigenze può concretizzarsi una progetto ambizioso ma fondamentale per riallacciare i fili della comunità.
Con il monitoraggio e l’intermediazione di professionisti assistenti sociali e con il prezioso aiuto dei volontari dell’associazione e di quanti vorranno rendersi disponibili, daremo il via ad un progetto sperimentale di grande interesse per tutti. La sfida è ardua ma non impossibile.

Per questo motivo presso lo sportello informativo HCP Social Point, sito in P.zza Mazzini 37/38, sarà possibile reperire le informazioni utili sia per segnalare situazioni difficili, sia per rendersi disponibili ad essere volontari da zero a cento anni. Lo sportello può essere contattato anche al numero 0733 263026 dal lunedì al sabato.


   

dagli Organizzatori





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-05-2015 alle 18:38 sul giornale del 12 maggio 2015 - 555 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/ajf9





logoEV
logoEV