contatore accessi free

Tolentino: inaugurato il primo laboratorio universitario in Italia all'interno di una conceria

2' di lettura 12/10/2016 - Da oggi l'Università entra in Conceria. Per la prima volta in Italia un centro di ricerca e sviluppo di taglio universitario viene allestito all'interno di un'azienda conciaria.

Accade a Tolentino, dove la storica Conceria del Chienti ha inaugurato nel pomeriggio di mercoledì 12 ottobre il Laboratorio R&D Pellami nato dalla sinergia con l'Università di Camerino. In questo modo, gli studenti potranno studiare e formarsi direttamente in Conceria mentre l'azienda dal canto suo potrà sviluppare percorsi di ricerca scientifici finalizzati all'ottenimento di pelli metal free ed eco attente.

"Con questo laboratorio abbiamo voluto dare un servizio ulteriore ai nostri clienti e anche all'ambiente - ha dichiarato Marco Luppa, Ad della JH Conceria del Chienti - in un contesto in cui sempre più i clienti chiedono prodotti personalizzati e customizzati, noi vogliamo essere all'altezza della richiesta e diventare loro partner prima ancora che fornitori, nella convinzione che la standardizzazione porta solo appiattimento, mentre è la condivisione delle competenze che porta risultati straordinari".

Significativo l'investimento della Conceria nel progetto complessivo, circa 800mila euro. Un salto di qualità importante per la Conceria del Chienti, solo due anni fa al centro dell'operazione di acquisizione da parte del colosso cinese Jihua Group, che ne ha permesso la rinascita dopo un momento di crisi e che, oggi, ne favorisce la rincorsa verso obiettivi ambiziosi di sviluppo e di assoluto prestigio nel contesto del fashion mondiale. Non è infatti il Laboratorio l'unica novità: nel corso dell'evento odierno, intitolato non a caso 'Under the skin', è stata inaugurata anche la Creative Room, un ambiente innovativo a disposizione degli uffici stile delle più prestigiose maison di moda del mondo, i cui rappresentanti erano oggi presenti all'evento di Tolentino.

Entusiasta anche Flavio Corradini, Rettore dell'Università di Camerino: "Questa iniziativa incontra l'obiettivo della Smart Specialization che ci chiede l'Europa per essere competitivi a livello mondiale. Abbiamo lavorato molto a questo progetto, che è un originale esempio di sinergia pubblico-privata perché per la prima volta è l'Università che entra in azienda e non il contrario. Sono felicissimo di essere qui oggi ad inaugurare questo Laboratorio che concretizza il legame tra l'Ateneo e un'azienda come la Ctc, che è un'eccellenza ed aperta al l'internazionalizzazione come la nostra università".

Verranno infatti presto attivati anche dei master universitari in Conceria - attualmente è prevista la partecipazione di 16 studenti - a rafforzare ancora di più quella sinergia tra università, impresa e territorio che sempre più rappresenta l'unica chiave per rinnovarsi e superare le sfide del mercato globalizzato.


   

dagli Organizzatori







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-10-2016 alle 19:49 sul giornale del 13 ottobre 2016 - 285 letture

In questo articolo si parla di attualità, tolentino, camerino, Unicam

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/aCfo







Cookie Policy