Cacciolari: "E' la seconda volta che il maceratese viene dimenticato nell'emergenza post terremoto"

Barbara Cacciolari 1' di lettura 13/10/2016 - “E’ già la seconda volta che il maceratese viene dimenticato nell'emergenza post-terremoto, i piccoli borghi dell’entroterra non possono essere considerati figli di un Dio minore, nella gestione della ricostruzione post terremoto del 24 agosto”.

Così Barbara Cacciolari, vicecoordinatore regionale di Forza Italia Marche, si esprime a proposito dell’esclusione di alcuni comuni dell’entroterra maceratese dal decreto legge sul terremoto, di recente approvato in consiglio dei ministri.

“Scorrendo l’elenco vedo che tra comuni vicini, che hanno subito gli stessi danni, alcuni sono inclusi nel cratere ed altri no. Un errore clamoroso che si ripercuoterà sulla ripresa futura di questi piccoli centri – aggiunge Cacciolari – considerando che per la maggior parte vivono di turismo ed è essenziale poter riparare le seconde case. Viene inoltre a mancare la possibilità di sostegno finanziario alle attività economiche, nei centri fuori dal cratere, aggravando ancora di più le conseguenze devastanti, dal punto di vista economico e turistico, oltre che dei danni, causate dalle scosse”.

Barbara Cacciolari conclude: “Sosterremo nella loro battaglia per essere inclusi nel cratere i sindaci di Camerino, Tolentino e Treia e di tutti gli altri centri danneggiati. E’ inammissibile che comuni così danneggiati siano stati esclusi, voglio pensare che sia un errore, a cui si possa rimediare. Proporremo emendamenti ed una serie di iniziative per chiedere che i centri dell’entroterra vedano riconosciuto il loro diritto a non essere considerati di serie B, nella gestione della ricostruzione”






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-10-2016 alle 18:44 sul giornale del 14 ottobre 2016 - 202 letture

In questo articolo si parla di terremoto, forza italia, politica, treia, camerino





logoEV
logoEV