contatore accessi free

La terra torna a tremare nel maceratese. Duramente colpita anche Treia

2' di lettura 27/10/2016 - Le fortissime scosse del 26 ottobre, il cui epicentro è fra i comuni di Castel Sant’Angelo sul Nera Visso ed Ussita sono state avvertite in maniera violentissima anche a Treia, con danni ingenti in diverse zone del territorio.

Si è verificato, infatti, il crollo parziale di un immobile in Via Montegrappa e l’aggravamento della situazione, già molto compromessa, del Santuario del SS. Crocifisso, in cui ci sono stati nuovi crolli: in particolare all’interno del Santuario si è verificata la caduta totale dell’intonaco della cupola, oltre al distacco della facciata e ad una gravissima lesione, sempre sulla cupola, visibile anche sul lato esterno.

Ingenti danni si segnalano, inoltre, nella frazione di Passo di Treia e nelle zone rurali orientate verso l’epicentro. La Scuola Media di Treia, già inagibile, è stata ulteriormente e gravemente danneggiata.
La macchina dei soccorsi è scattata immediatamente; dopo la prima violenta scossa delle ore 19:10 e quella ancora più violenta delle ore 21:18 sono stati predisposti dei punti di raccolta per i cittadini che hanno deciso di passare la notte fuori dalle proprie case; palestre comunali e campo sportivo hanno ospitato diverse centinaia di persone. Oltre 1.000 persone hanno dormito fuori casa.
Una prima rapida ricognizione è stata effettuata già nella serata del 26 ottobre.

Alle ore 8.00 di questa mattina si è riunito il C.O.C. (Centro Operativo comunale) e sono state adottate, sotto la guida del Sindaco, le prime misure organizzative, fra cui i sopralluoghi dei tecnici comunali.
Le attività di verifica sono iniziate dalle scuole, chiuse con ordinanza del Sindaco per la giornata odierna, in attesa degli esiti definitivi dei sopralluoghi; l’attività proseguirà presso gli altri edifici pubblici e privati, al fine di determinare un quadro il più possibile definito della situazione.
Per segnalare situazioni di inagibilità o pericolo per le proprie abitazioni continua ad essere operativo il C.O.C., che sta organizzando anche quanto necessario per l’eventuale accoglienza e sistemazione temporanea delle persone, le cui abitazioni sembrano presentare lesioni più consistenti.

Anche in questa occasione l’Amministrazione Comunale si è attivata richiedendo la disponibilità all’accoglienza da parte delle strutture ricettive del territorio.
Le attività di verifica sulla staticità degli edifici pubblici e degli edifici privati segnalati come lesionati proseguiranno senza sosta.
Un ringraziamento particolare va alla Protezione Civile che ha garantito la notte scorsa assistenza alla popolazione nei centri di raccolta e nel territorio comunale e continua ad offrire il proprio prezioso servizio a fianco della struttura comunale.

I cittadini che volessero segnalare gravi danni alle proprie abitazioni (utilizzando il modulo aggiornato pubblicato sul sito istituzionale dell’Ente) e che abbiano necessità di accoglienza, sono pregati di contattare il Centro Operativo Comunale ai seguenti recapiti:
0733 218701 – 0733 218724 – comune@treia.sinp.net








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-10-2016 alle 23:18 sul giornale del 28 ottobre 2016 - 544 letture

In questo articolo si parla di attualità, terremoto, treia, Comune di Treia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/aCQw