Cgil: "A rischio le classi ed il tempo scuola nei comuni terremotati"

Scuola 2' di lettura 31/05/2018 - La battaglia per la tutela dei lavoratori e cittadini del nostro territorio colpito dal sisma ci ha posto di fronte a situazioni inaccettabili e posizioni incomprensibili ma non avremmo mai pensato che i pochi risultati raggiunti fossero messi in discussione proprio da chi ha il compito di applicarli.

Le denunce di rischio spopolamento e di mancata garanzia al diritto allo studio hanno portato il MIUR all'emissione della circolare n. 21315 del 15 maggio 2017 e della nota n.16041 del 29 marzo 2018 in cui si ribadisce il mantenimento delle classi attivate, nelle aree interessate dagli eventi sismici, anche con parametri inferiori a quelli previsti dalla normativa vigente. L'Ufficio Scolastico Regionale non sta applicando la circolare di garanzia del Ministero in diversi istituti della nostra Provincia.

Camerino, San Severino Marche, Cingoli e Tolentino sono solo alcune delle città che rischiano di veder respinte le richieste di autorizzazione alla costituzione di classi articolate nella scuola Secondaria di Secondo grado, ridotte il numero delle classi della scuola Secondaria di Primo grado e respinte le richieste di corsi di tempo pieno per la Primaria. La già precaria condizione della Scuola Pubblica, resa tale da scelte svilenti e tagli continui di risorse perpetrate dagli ultimi governi, viene ulteriormente mortificata nei territori colpiti dal sisma, esercitando anche pressioni nei confronti dei dirigenti scolastici.

Come possiamo parlare di sicurezza scolastica se, oltre alle condizioni non a norma delle scuole, non teniamo conto del numero di studenti presenti nelle aule, quanti alunni con disabilità ci sono, quante situazioni di svantaggio socio-economico/linguistico/culturale si dovranno affrontare, in quante strutture temporanee si svolgono le lezioni, quante evacuazioni dovranno sostenere a fronte del perdurare delle scosse sismiche?

Ancora una volta i cittadini, gli insegnanti, il personale scolastico, i genitori e gli studenti rischiano di essere sono lasciati lasciati a loro stessi e alla loro capacità di far fronte alle mancanze delle Istituzioni, in questo caso con l'aggravante del mancato rispetto di norme ed indirizzi politici precisi. Mancano pochi giorni per scongiurare questo intollerabile scenario, la scadenza è il 5 giugno, qualora si dovesse avverare tutti i soggetti, politici ed istituzionali, dovranno rispondere delle loro gravi responsabilità.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-05-2018 alle 11:44 sul giornale del 01 giugno 2018 - 231 letture

In questo articolo si parla di scuola, attualità, cgil, macerata, san severino marche, camerino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aU9b





logoEV
logoEV