Lonely Planet, Macerata nelle mete suggerite dalla “Best in travel”

3' di lettura 24/10/2019 - E’ al numero 3 Macerata, tra le sei mete consigliate nelle Marche dalla Lonely Planet. La città viene menzionata tra le “esperienze in primo piano” della regione inserita al secondo posto della classifica “Best in Travel”, tra le 10 regioni da visitare nel mondo.

Proprio nelle Marche subito dopo Urbino (al numero uno per gli eventi in onore del 500esimo dalla morte di Raffaello) e le strabilianti Grotte di Frasassi, compare il capoluogo identificato con il suo monumento simbolo: lo Sferisterio. Dopo vengono inserite Pesaro, Ancona e il Conero.

“Riconoscimenti così prestigiosi non arrivano mai per caso: sono piuttosto il frutto di un lungo impegno, durato anni e fondato sull’idea che Macerata potesse competere a livello internazionale come luogo di grande interesse. Costruito facendo emergere il talento culturale e creativo di una comunità piena di energia e capace di raccogliere le opportunità; trasformato investendo sulle qualità dei luoghi e dei servizi. Un’attestazione mai ricevuta prima che ci incoraggia, e in qualche modo ci sfida, a guardaci ancora una volta allo specchio, con la consapevolezza di vivere in una città che offre una bellezza e un’accoglienza di cui oggi si parla in tutto il mondo”.

Nella pubblicazione diffusa in tutto il mondo che ogni anno elegge dieci Paesi, dieci regioni e dieci città tra le mete da scoprire o riscoprire a proposito di Macerata si legge:

“Macerata è bellissima. Metti un piede dentro le mura cinquecentesche – continua la descrizione - sali così a casaccio lungo le sue stradine e lo capisci subito. Però ha un problema, o forse due: passa per esse­re sonnacchiosa al limite della noia e crede di essere ancora, e solo, una cittadina di provin­cia; di una provincia fondamentalmente agri­cola, per di più. E invece è proprio l’opposto. È una città tanto vivace e stimolante da ave­re tutte le carte in regola per giocarsela con i capoluoghi più battuti e rinomati. I suoi mu­sei sono una gioia, le chiese una continua sco­perta, i palazzi nobiliari un tuffo nella storia. Nelle piazze – popolate a ogni ora da sciami di studenti universitari – ci sono decine di lo­cali, i vicoli pullulano di ristoranti e bistrò, ci sono cinema e teatri all’avanguardia. E poi c’è quella meraviglia che è lo Sferisterio, uno sta­dio neoclassico a forma di arco, trasformato in tempio della lirica. Se saprete osservare bene – continua la guida - e se avrete ab­bastanza faccia tosta da intrufolarvi anche là dove non potreste, troverete angolini nasco­ sti, passaggi segreti e raccolti cortili che viri­ compenseranno con scorci incantevoli. Scivo­late tra le piagge (larghe scalinate in origine usate per i cavalli), salite e scendete senza so­sta tra Piazza della Libertà e Piazza Mazzini, i due epicentri della città, e, prima ancora di esservene resi conto, Macerata vi avrà stregati”.

Soddisfatta l’assessore alla Cultura e al Turismo Stefania Monteverde: “Siamo orgogliosi di vivere in una città e in un territorio bellissimi, e lo sappiamo – dice l’Assessore alla Cultura e al Turismo Stefania Monteverde - È la Marca Maceratese. Il nostro carattere laborioso ci spinge a guardare questo importante riconoscimento come uno stimolo a rafforzare il sistema di accoglienza verso i viaggiatori con i musei, i servizi, la ricettività, le iniziative culturali sempre più all’altezza di un’ospitalità generosa e piena di affetto”.

Di seguito il link con le esperienze segnalate da Lonely Planet per le Marche:

https://www.lonelyplanetitalia.it/destinazioni/italia/marche






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-10-2019 alle 11:52 sul giornale del 25 ottobre 2019 - 640 letture

In questo articolo si parla di attualità, macerata, comune di macerata

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bb2K