Continua il progetto "cultura della legalità” dei Carabinieri

2' di lettura 26/02/2020 - Prosegue il progetto “cultura della legalità” portato avanti dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Macerata, che ha l’obiettivo di contribuire a sviluppare nei giovani la coscienza sociale basata sul rispetto dell’altro, delle regole e delle leggi.

Gli incontri, si sono tenuti presso gli Istituti: I.T.A.S. “Matteo Ricci” ed all’I.P.S.I.A. “F. Corridoni” di Macerata. All’ITAS, il Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Macerata, due Marescialli della Sezione Radiomobile, e due Luogotenenti specializzati nelle indagini scientifiche, alla presenza dei professori referenti dei progetti di legalità dell’Istituto, sono intervenuti in favore di oltre 40 giovani frequentatori delle quarte classi, attraverso tre fasi: nella prima, è stato proiettato un video istituzionale che illustra l’organizzazione dell’Arma dei Carabinieri, i compiti e le specialità di cui dispone e del delicato ruolo di operatore sociale svolto nella quotidianità dal “carabiniere”.

Nella seconda fase sono stati illustrati i principi generali della sicurezza stradale ed i rischi cui gli utenti della strada, pedoni compresi, sono esposti quotidianamente, approfondendo la problematica connessa alla guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti e dell’alcol.

Nella terza, gli studenti sono stati coinvolti dagli esperti nell’indagine scientifica in una “scena del crimine”, illustrandogli la particolare attività, anche attraverso “giochi di ruolo”, nei quali alcuni studenti hanno operato da “Investigatori”. Il comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile, Nella medesima giornata, su richiesta del personale docente, è intervenuto “all’assemblea d’Istituto” dell’I.P.S.I.A. “F. Corrdoni” di Macerata, affrontando la problematica dei “risvolti sociali connessi alle dipendenze”, analizzando con i ragazzi i problemi che ne derivano e la tipologia dei reati, troppo spesso conseguenti alle rispettive dipendenze. Gli argomenti trattati hanno riscosso rilevante interesse soprattutto nel “question time” che è stato riservato agli studenti nella parti finali degli incontri odierni.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-02-2020 alle 10:38 sul giornale del 27 febbraio 2020 - 183 letture

In questo articolo si parla di attualità, carabinieri, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bgL7





logoEV