Belforte del Chienti, Bertolaso lancia Ciarapica tra sisma e Covid hospital: "Tiene alla città come a casa propria, diamogli un'opportunità"

3' di lettura 07/09/2020 - Si riforma la coppia Ciarapica-Bertolaso. Nato durante il lockdown per la gestione della questione covid hospital, il duo si è riunito domenica a Belforte del Chienti per una iniziativa organizzata da Forza Italia con lo sguardo verso le elezioni regionali.

Tema centrale il terremoto, ma non si è parlato solo di quello nell’incontro, aperto dagli interventi del coordinatore provinciale Riccardo Sacchi e da quello del sindaco di Civitanova. "A quattro anni di distanza da quella sciagura qui non si è visto ancora niente – ha evidenziato Ciarapica – c’è bisogno di una svolta e va fatta con le persone competenti. C’è un’aria di cambiamento che si percepisce, dobbiamo essere pronti non solo a vincere, ma soprattutto a governare senza far rimpiangere chi ci è stato prima di noi. Ecco perché mi sono messo in prima linea e non è stata una scelta facile essendo sindaco di una città come Civitanova e non essendo neanche alla fine del primo mandato. C’è bisogno di persone giuste e con esperienza per chi va poi ad amministrare. La mia esperienza da amministratore dura da vent’anni. Vedo tanti politici che hanno buona fede e voglia di fare, ma spesso fanno proposte scollegate dalla realtà, che non tengono conto di quella che è la vita amministrativa. Vedo tanti candidati che girano ma nessuno con un programma preciso stilato. Io l’ho messo nero su bianco, voglio essere valutato per le proposte che faccio".

Oltre al sisma, però, Bertolaso, dopo aver difeso il lavoro portato avanti con il governo Berlusconi per la ricostruzione de L’Aquila, è tornato a parlare del covid hospital, difendendo a spada tratta la struttura realizzata nel polo fieristico di Civitanova e lodando il lavoro portato avanti da Ciarapica in città. "La burocratizzazione di eventi già complessi di per sé, come il terremoto o il covid, è il virus peggiore che esiste – ha tuonato l’ex capo della Protezione civile – il metodo più democratico che esiste per estirparlo è andare alle urne e votare chi mette al primo posto del suo programma la ricostruzione post-sisma. Non posso essere certo che Ciarapica risolverà tutti i vostri problemi, ma avendolo visto all’opera durante l’esperienza del covid hospital, del quale riparleremo a novembre o dicembre, io lo metterei alla prova. Vengo da trent’anni nelle Marche e per lungo tempo ho sempre evitato Civitanova perché era sporca, poco sicura e senza grandi attrattive. Oggi la città è un fiore all’occhiello di questa Regione. Durante il mese in cui sono stato in un albergo del centro, la sera mi capitava di passare sul bellissimo lungomare, con la ciclabile tutta illuminata. Non credevo ai miei occhi. E lo dice uno che viene da Roma, dove la luce serve per vedere i gabbiani o i sorci che stanno distruggendo la città. Si vede che a Civitanova c’è una persona che tiene alla città come a casa propria. E allora vediamo cosa è capace di fare ad Ancona o in tutte le Marche".

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Civitanova.
Per Whatsapp aggiungere il numero 348.7699158 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.

Per Telegram cercare il canale @viverecivitanova o cliccare su t.me/viverecivitanova.

Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook: facebook.com/viverecivitanova/ e Twitter: twitter.com/viv_civitanova.








Questo è uno spazio elettorale autogestito pubblicato il 07-09-2020 alle 13:13 sul giornale del 08 settembre 2020 - 201 letture

In questo articolo si parla di politica, Redazione vivere civitanova, spazio elettorale autogestito

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bvc6





logoEV
logoEV