I 70 anni dell'Avis Macerata tra premiazioni e spettacolo (foto)

2' di lettura 07/09/2020 - Oltre mille donatori chiamati, 1026 per la precisione e centinaia premiati sul palco: l’Avis Comunale di Macerata ha celebrato se stessa e i 70 anni di fondazione nel modo migliore.

Esternamente illuminato da uno splendido rosso, colore dell’Avis, del sangue e della vita, lo Sferisterio domenica ha ospitato una serata-maratona davanti a 850 spettatori (la capienza massima in virtù degli ingressi contingentati), sviluppatasi prima con le premiazioni dei tanti maceratesi che donano il sangue, quindi con spettacoli che hanno portato allegria e reso piacevolissima la serata. Si sono esibiti il gruppo folk Li Pistacoppi, il mago Giacomentale, poi dopocena c’è stato lo show di cabaret “Riso fa buon sangue”, la rassegna nata nel 2010 proprio per sostenere l’Avis in tutta Italia. Sul palco applauditissimi Max Cavallari (dei Fichi d’India), Francesco Damiano, Paolo Franceschini che ha coinvolto alla grande il pubblico con le sue canzoni e gli originali Jashgawrosky Brothers, capaci di suonare con scope ed altri improbabili strumenti. La serata è stata ben condotta da Tiziana Tiberi con la presidente dell’Avis Elisabetta Marcolini sempre al suo fianco, orgogliosa.

La numero uno dell’associazione ha omaggiato i gruppi di volontari più attivi, quelli che si sono dedicati alla lodevole causa raggiungendo un totale assai significativo di donazioni ed ha speso parole importanti verso queste persone e l’attività dell’Avis. “L’Avis di Macerata –ha detto- è fatta da tante persone generose, niente può impedirci di fare il bene. Non sapremo mai a chi va il sangue ma la certezza è che sarà essenziale per qualcuno che ne avrà bisogno. Non è non è un periodo facile a causa del covid, ma il donatore supera anche questa paura. E in questa bella serata di festa dico ai maceratesi di aprire gli occhi e venire a scoprire la gioia del donare il sangue”.

Omaggiati in particolare i volontari dell’associazione che sono rientrati dentro le categorie Oro, Rubino e Smeraldo, uomini e donne con almeno 50 donazioni effettuate. Ancor più celebrate tre figure speciali come Alessandro Urbani che a 62 anni vanta ben 167 donazioni, Gabriella Gentili arrivata a 140 e Sandro Ruffini a quota 130. Per tutti e tre (già Cavalieri della Repubblica) il riconoscimento della categoria Diamante con in regalo la spilla in oro e diamante. Il sindaco Romano Carancini ha poi donato una pergamena ad Urbani con la gratitudine “del Comune e dell’intera città”. La presidente Marcolini è stata sorpresa ed ha rischiato di commuoversi per le parole di stima legate alla sua forza indomita, alla generosità, alla vitalità ed all’altruismo, pronunciate dal presidente dell’Avis Marche Massimo Lauri e dal sindaco Carancini.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-09-2020 alle 22:21 sul giornale del 08 settembre 2020 - 241 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, Avis Macerata, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bvgU





logoEV
logoEV