L’Inter di Conte è più forte della Juventus di Pirlo?

3' di lettura 24/09/2020 - La nuova stagione è appena iniziata e tifosi e addetti ai lavori si chiedono se per l’Inter questa possa essere la volta buona per tornare a vincere lo scudetto.

Dopo aver sensibilmente migliorato la rosa l’anno passato anche grazie all’arrivo di Antonio Conte, alla vigilia di questa stagione i nerazzurri hanno ulteriormente alzato il livello e hanno ormai azzerato il divario che li separava dai bianconeri.

I nerazzurri hanno un centrocampo spaziale

Dopo l’esperienza con Luciano Spalletti sulla panchina, alla vigilia della scorsa stagione l’Inter aveva sentito l’esigenza di cambiare e Antonio Conte era stato individuato come l’uomo da cui ripartire. Il tecnico salentino è stato subito accontentato con gli arrivi di Lukaku, Godín, Sánchez, Barella, Eriksen e Sensi e immediatamente i nerazzurri sono apparsi una squadra nettamente diversa rispetto al passato. In quell’occasione, tuttavia, la panchina corta dell’Inter aveva fatto sì che i nerazzurri avessero perso molti punti per strada e alla fine la Juventus era riuscita a dimostrare di essere ancora superiore. Come raccontato anche al link https://www.corrieredellosport.it/, quest’anno, dopo aver trattenuto tutti i giocatori migliori, la società ha portato alla corte di Antonio Conte giocatori del calibro di Nainggolan, Perišić, Kolárov, Vidal e Hakimi che, oltre a essere dei potenziali titolari, offrono al tecnico salentino diverse soluzioni sia in fase offensiva che difensiva. Il centrocampo, a ogni modo, sembra essere il vero punto di forza dei nerazzurri che, con un valore stimato di 250 milioni di euro, è ormai uno dei migliori di tutto il panorama calcistico europeo. Certo, come testimoniato anche al link https://www.planetwin365.it/, aver la meglio della Juventus nell’arco di un campionato di 38 gare sarebbe difficile per chiunque, ma l’impressione è che questa volta l’Inter abbia davvero tutti i mezzi per interrompere il dominio bianconero.

La Juventus ora è più vicina

La Juventus, a ogni modo, resta la squadra da battere. Con nove scudetti negli ultimi nove anni non potrebbe essere altrimenti. Tuttavia, già l’anno scorso, sotto la guida di Sarri, i bianconeri avevano lasciato intendere di non essere più invincibili e alla fine avevano chiuso il campionato con un solo punto di vantaggio proprio sull’Inter. Come raccontato anche al link https://sport.virgilio.it/, dopo aver scelto Andrea Pirlo come nuovo allenatore, il direttore sportivo Paratici ha portato alla corte del tecnico bresciano dei calciatori giovani come Kulusevski, Arthur e McKennie che sembrano già pronti per indossare una maglia da titolare. Gli uomini in grado di fare la differenza, a ogni modo, restano Cristiano Ronaldo e Paulo Dybala. Mentre il primo pare non accusare l’inesorabile incedere del tempo e a 35 anni ha la freschezza atletica di un ragazzino, il secondo è in continua crescita e sembra pronto per fare il definitivo salto di qualità. Il recente arrivo di Morata, come raccontato anche al link https://www.tuttosport.com/, offre a Pirlo ulteriori soluzioni in fase offensiva, anche se la sensazione è che quest’anno il miglior acquisto sarà Ramsey. Il gallese, ai box per buona parte della passata stagione, potrebbe essere l’uomo in grado di cambiare volto ai bianconeri e i tifosi sperano che grazie alle sue giocate i bianconeri possano riuscire a compiere il definitivo salto di qualità anche in Champions League.

Inter e Juventus si giocheranno lo scudetto fino all’ultima giornata e non vediamo l’ora di scoprire chi alla fine riuscirà ad avere la meglio.






Questo è un articolo pubblicato il 24-09-2020 alle 15:45 sul giornale del 24 settembre 2020 - 45 letture

In questo articolo si parla di sport, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bwUd





logoEV
logoEV